A Frascati la presentazione del libro Corri

Corri di Roberto Di Sante: da Villa Torlonia alle stelle: un libro, una rinascita e il sogno delle Six World Majors Marathon

0
351

A Frascati la presentazione del libro Corri di Roberto Di Sante

Sabato 3 novembre 2018 alle ore 18 nell’Auditorium delle Scuderie Aldobrandini, con ingresso libero fino adesaurimento posti, si terrà la presentazione del libro di Roberto Di Sante Corri. Dall’inferno a Central Park. Ne parleranno con l’autore Marco Patucchi, Giornalista di «la Repubblica», e Daniela Olivieri, Psicologa dello Sport e Psicoterapeuta. Introduce Giampiero Cacciato, Dirigente sportivo. Previsti anche gli interventi di dell’Assessore alla Cultura Emanuela Bruni, dell’Assessore alla Politiche Sociali Alessia De Carli, del decano dei runner frascatani Sergio Molinari (detto ‘A Nicchia) e del Presidente della Condotta SlowFood Frascati e Terre Tuscolane Stefano Asaro. Ospite d’onore sarà Sara Vargetto, la principessa del sorriso.

Un uomo precipita dal quarto piano. La sola
scelta che gli è rimasta per smettere di soffrire. Mentre cade esprime l’ultimo
desiderio. Il suo corpo si blocca a pochi centimetri dal suolo. Un filo di luce
scende dall’alto, lui ci si aggrappa e prova a fuggire dal pozzo buio che lo ha
inghiottito: la depressione. Aldo Amedei è un giornalista di successo che ha
perso tutto. Anche i sogni. Il passato è rimpianto, il presente è popolato da
mostri e fantasmi, ma lui prova a seguire quel filo, quel folle desiderio che
lo aveva tenuto in vita: correre la maratona di New York. Non sa nemmeno perché
lo ha espresso, lui che prende la macchina anche per fare cento metri. Comincia
a correre, come un evaso braccato dai suoi incubi.

Cade, si rialza. Cade ancora e si rimette
in piedi. E ogni volta fa sempre più male. Ma lui non molla. Per amore e con
l’amore di Teresa, la sua giovane compagna. Sputando l’anima lungo strade piene
di fatica, angeli e avvoltoi. Tornando alla vita, alla passione, ai sogni. Con
l’aiuto di un medico viaggiatore, un coach inaspettato e un nipote più folle di
lui. Diventando un altro, stampando altri nel cuore. Tra risate, sorprese e nuove
emozioni. Ma i suoi nemici non mollano, lo inseguono decisi a riportarlo nel
pozzo. Tutto torna ancora in gioco, nell’ultima sfida, tra la vita e la morte:
42 chilometri e 195 metri. Contro vento e contro tutto. Dall’inferno a Central
Park.

Print Friendly, PDF & Email