A Grottaferrata piano eliminazione barriere architettoniche

0
640
palazzogruttergrotta
Palazzo Grutter a Grottaferrata
grottaferrata
Palazzo Gutter a Grottaferrata

La Giunta comunale, con deliberazione n. 23 del 2 marzo 2016, ha approvato le linee di indirizzo del Piano per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche del Comune di Grottaferrata (P.E.B.A.).

L’iniziativa prevede, quale primo step, il censimento degli ostacoli presenti negli spazi e negli edifici pubblici di competenza dell’Amministrazione comunale. In tal modo sarà possibile creare un elenco degli interventi da realizzare nel tempo, divisi per priorità e contrassegnati dalla relativa stima economica.

Il Progetto prevede anche la possibilità di proporre eventuali miglioramenti, al fine di agevolare le persone diversamente abili.

Per ottemperare a tali obiettivi, è stato realizzato un nuovo sistema di segnalazione via web rivolto a tutti i Cittadini, con particolare attenzione alle persone con disabilità, ai non vedenti o ipovedenti ed alle loro famiglie.

Il Servizio, consistente nell’opportunità di compilare un questionario accessibile da qualunque Personal Computer o Smartphone, consente di indicare il luogo in cui si riscontra la problematica, riportando in maniera facoltativa note e consigli da sottoporre al vaglio dell’Amministrazione.

La piattaforma, completamente automatica, si basa su un’avanzata infrastruttura di tipo Cloud: in tal modo, ciascuna comunicazione inviata contribuirà a creare il primo database comunale specificatamente dedicato alla presenza di Barriere Architettoniche sul Territorio di Grottaferrata.

Grazie a questo sistema, sarà possibile evidenziare facilmente le aree in cui si concentrano le maggiori criticità ma, soprattutto, si potranno estrapolare indicazioni ordinate secondo numerosi criteri, dalla tipologia di barriere al tipo di luogo in cui sono collocate (edifici pubblici o privati, aree verdi, sedi stradali, ecc…).

Una copia di ciascuna segnalazione, inoltre, sarà trasmessa dal programma stesso all’indirizzo email dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP), per essere protocollata e, successivamente, valutata dai competenti Uffici.

Il Sindaco, gli Assessori ed i Dirigenti di Settore, potranno invece accedere direttamente al database, visualizzando l’elenco delle barriere e lo stato dei lavori, oltre a disporre di campi per inserire eventuali note e considerazioni personali.

Altro aspetto vantaggioso, la gratuità del Servizio, essendo stato sviluppato, mediante software gratuiti, da personale del Comune.

“Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito a realizzare il Progetto” – ha dichiarato il Sindaco Dott. Giampiero FONTANA, soggiungendo che – “Una menzione speciale va all’Ing. Alberto DE ANGELIS, attuale Responsabile dei Lavori Pubblici, il quale, proveniente dall’Amministrazione di Roma Capitale, sin dal suo arrivo nel maggio dello scorso anno aveva rappresentato la volontà di dare attuazione a questa eccellente iniziativa”. “Il Progetto P.E.B.A.” – ha continuato il Sindaco FONTANA – “è coerente con il Programma di Governo dell’Amministrazione comunale in tema di solidarietà sociale, nonché attuativo su alcuni degli impegni assunti con l’approvazione della Delibera di Consiglio comunale n. 28 del 9 ottobre 2014 “Adesione ai principi ed alle indicazioni della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle Persone con disabilità”.

“L’Amministrazione è impegnata attivamente ogni giorno per le persone che vivono in condizione di disagio, sia economico che fisico, temporaneo o permanente” ha commentato l’Assessore alle Politiche Sociali, Avv. Francesca Maria PASSINI, ed ha aggiunto: “L’approvazione del P.E.B.A. è la dimostrazione che si vuole procedere nella giusta direzione, dando voce ed ascolto alla Cittadinanza e realizzando un percorso che riduca tanto gli ostacoli quanto le principali barriere presenti sul Territorio”.

“Questo censimento” ha spiegato l’Assessore ai Lavori Pubblici, Dott. Paolo RUBINI “è l’azione propedeutica a formulare un efficace e completo piano di interventi per il superamento delle barriere architettoniche, che condizionano negativamente la qualità della vita di una fascia di Cittadini ben più ampia di quanto si possa immaginare: tali problematiche riguardano non solo le persone diversamente abili ma anche le donne in stato di gravidanza, gli infartuati, coloro che sono momentaneamente ingessati e numerose altre categorie del disagio. Completato il censimento, è obiettivo dell’Amministrazione reperire, tra risorse interne e partecipazione a bandi pubblici di finanziamento, gli importi necessari alla realizzazione degli interventi individuati. Parallelamente, Comune e Cittadinanza procederanno in stretta e fattiva collaborazione, in modo da sviluppare una migliore sensibilità alla materia ed evitare la realizzazione di interventi che producano nuove barriere architettoniche”.

Print Friendly, PDF & Email