A Marino un progetto sul bullismo 2.0 virus sociale

0
891
bullismo
Bullismo 2.0
bullismo
Bullismo 2.0

Un sabato pomeriggio, a Marino, per parlare di “Bullismo 2.0 – Virus Sociale”. Il convegno, all’interno del progetto “Giù Le Mani”, si terrà sabato 17 ottobre alle ore 16, presso il Teatro “San Barnaba Apostolo” in Corso Trieste 7 a Marino, Roma e sarà introdotto dall’intervento del dottor Francesco Guarnieri dell’associazione Doppia D Difesa Donna.                                                                                               L’iniziativa, patrocinata dal Consiglio Regionale del Lazio, vede al centro tutte le associazioni sportive e culturali del territorio, l’Istituto Comprensivo Marino Centro e il Comitato Italiano Paralimpico ha come tema centrale il problema rappresentato dall’abuso di nuove tecnologie e mezzi di comunicazioni 2.0, come i social network fulcro del cosiddetto cyberbullismo.                                                                                                     Al centro del pomeriggio, dopo i saluti da parte delle numerose realtà a capo dell’evento, il messaggio di monsignor Pietro Massari, abate parroco della basilica di San Barnaba Apostolo e del professor Luca Congedo, referente di Scuola Attiva, progetto di contrasto al bullismo, oltre all’intervento di esperti delle forze dell’ordine, un collegamento con una casa famiglia in Kenya e la rappresentazione teatrale della pìece “Social Virus” ideata e messa in scena dai ragazzi della Compagnia degli Antipatici di Velletri.   Concluderanno la serata i ringraziamenti da parte dei principali animatori: rappresentanti del mondo politico come Emanuele Ciamberlano, dei comitati di quartiere come Giada Basile e della società civile cittadina come Massimo Romiti, Alessandro Gentili, Rosanna Lunati, Cesare Ciavatta e Valter Pierucci.                 “Abbiamo voluto incentrare l’attenzione su un tema di assoluta attualità come il cyberbullismo – dichiara l’ex consigliere comunale Emanuele Ciamberlano a nome del comitato organizzativo – per ricordare a tutti come nessuno, dal piccolo comune alla grande città può sentirsi lontano dalla modernità e dai suoi problemi. Partendo da un problema così particolare quanto vivo – ha aggiunto – abbiamo intenzione di iniziare a scandagliare la società che cresce, cambia, si modella subendo virtù e vizi dello sviluppo tecnologico che non sempre fa rima con progresso sociale. E tutto questo avviene ovunque, inevitabilmente, anche sul nostro territorio, anche ai Castelli Romani e a Marino che se da un lato sono diventati, allo stesso tempo inevitabilmente ma anche fortunatamente, parte di una società globalizzata 2.0, come si dice, dall’altro necessitano di salvaguardia per i valori, le tradizioni, le specificità e la bellezza di un territorio e di una popolazione che affondano le radici in tempi e tradizioni antiche.                                                                    “Proprio attraverso la realizzazione di iniziative simili – conclude Ciamberlano – intendiamo preservare questo patrimonio sociale, antropologico e culturale, partendo dall’informazione e dalla comunicazione da far giungere alla cittadinanza, nei suoi vari strati, attraverso realtà assolutamente varie e differenziate tra di esse, come si vede dal composito cartello di organizzatori, ma unite nell’unica lodevole battaglia di salvaguardare il futuro della società in cui viviamo”.                                                     Ariete Comunications

06.97655685

Print Friendly, PDF & Email