Al via il 25 luglio l’Anfiteatro Festival di Albano Laziale

0
2149
arena
Arena Anfiteatro Festival di Albano Laziale
arena
Arena Anfiteatro Festival di Albano Laziale

L’Anfiteatro Festival di Albano, che si svolge nell’antica area archeologica della cittadina laziale, voluto dall’amministrazione comunale del sindaco Nicola Marini e organizzato da Europa Musica con la direzione artistica di Renzo Renzi, prende il via il 25 luglio. Diciassette appuntamenti che vanno dalla lirica alla prosa, dalla danza al canto con grandi solisti e interpreti unici. Per l’apertura va in scena il primo dei due nuovi allestimenti operistici targati Europa Musica, si tratta de La Traviata di Giuseppe Verdi con la regia di Maurizio Di Mattia, punto di riferimento del Teatro dell’Opera di Roma e ambasciatore della lirica nel mondo. Direttore Maurizio Morgantini. L’8 agosto è la volta del Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart con la regia di Gianmaria Romagnoli, diretto da Stefano Seghedoni. Il 13 agosto Nando Citarella, con il Coro Lirico Italiano, il Coro della Scuola Popolare di Musica di Testaccio, i Maurizio Trippitelli Percussion Ensemble propone una inedita versione dei Carmina Burana di Carl Orff, un sorprendente incontro tra la musica colta e quella popolare.

Ancora l’energia e i ritmi popolari il 26 luglio con le percussioni di Nando Citarella in I tamburi del Vesuvio, un progetto che coinvolge musicisti africani, arabi e latinoamericani e il 2 agosto con l’Orchestra Nazionale Tzigana di Budapest diretta da Antal Szalai, considerato il più grande violinista gypsy del mondo.

Nicola Piovani In quintetto il 30 luglio propone i brani scritti per il cinema e per il teatro appositamente rivisti e arrangiati per un agile organico di solisti. Al pianoforte il compositore premio Oscar. L’1 agosto il sax di Stefano Di Battista e la voce di Nicky Nicolai con Mille bolle blu intraprendono un viaggio nella musica degli anni ‘60 e ‘70. Stralunato recital è il titolo dello spettacolo di Antonella Ruggiero che, con il Maurizio Di Fulvio Group, il 6 agosto interpreta le più belle melodie italiane e internazionali.

Ricca la proposta teatrale con Giorgio Albertazzi nelle Memorie di Adriano diretto da Maurizio Scaparro il 14 agosto, Ivana Monti, Paola Quattrini, Sergio Muniz, diretti da Giancarlo Marinelli in Arsenico e vecchi merletti il 29 luglio, la comicità della cabarettista siciliana Teresa Mannino con Sono nata il ventitrè il 31 luglio, Roberto Ciufoli, Gaia De Laurentiis, Francesca Nunzi e Diego Ruiz in Ti amo o qualcosa del genere scritto e diretto da Diego Ruiz in scena il 5 agosto. Spazio alle commedie musicali: Il conte Tacchia diretto da Gino Landi con Maurizio Mattioli l’11 agosto e Strimpelli & Vinile, ispirato agli anni ‘50, con Attilio Fontana, Emiliano Reggente e Ilaria Porceddu il 12.

Il 7 agosto danza, parole e musica in Lettere dalla danza, un omaggio alla grande ballerina statunitense Isadora Duncan curato da Paola Sarcina e il 9 agosto canto, dialoghi e tango in Un thè-tango per Evita con Fatima Scialdone, dedicato a Eva Peron. Ancora musica e danza, incalzante travolgente, in Vente conmigo, lo spettacolo dei Flamenco Vivo che chiude il Festival il 15 agosto.

Print Friendly, PDF & Email