Albalonga calcio, Bosi abbatte il San Donato Tavarnelle

Albalonga calcio, serie D, super Bosi abbatte il San Donato Tavarnelle, l'esterno ex Aprilia è raggiante: “Finalmente il primo gol”

0
53
bosi
Bosi abbracciato dopo il gol del 2-0 dell'Albalonga

Il giorno di Daniele Bosi. L’ex esterno dell’Aprilia (tra le altre) è stato uno dei protagonisti migliori nel match che l’Albalonga ha giocato (e vinto) ieri pomeriggio contro il San Donato Tavarnelle. Sul campo pesante (ma in buone condizioni) del “Pio XII”, la squadra azzurra ha avuto la meglio per 2-0 sui toscani, tornando al successo dopo due gare senza reti e con un solo punto conquistato. Grazie alla vittoria, tra l’altro, gli uomini di mister Mauro Venturi hanno agganciato di nuovo il Monterosi in vetta alla classifica del girone E: “Era ora, finalmente è arrivato il mio primo gol – dice Bosi – Ma al di là della mia soddisfazione personale, sono contento per il successo della squadra: una vittoria meritata contro un avversario ben attrezzato e con alcuni giocatori importanti soprattutto nel reparto offensivo”. L’esterno d’attacco classe 1991 è stato autore dell’assist con cui Cardillo ha spedito in vantaggio i castellani verso la fine del primo tempo, poi (dopo un rigore fallito di Casimirri) ha realizzato il gol del 2-0 con una splendida “bastonata” dai venti metri che non ha lasciato scampo al portiere toscano: “Non eravamo preoccupati dopo le ultime due partite perché siamo sempre stati consci del nostro valore – riprende Bosi – Sono state due sfide particolari e poi l’ambiente ci ha sempre lasciati tranquilli”. L’ex giocatore dell’Aprilia parla della sua avventura in maglia Albalonga: “Sono venuto qui per la stima che mi ha sempre dimostrato mister Venturi, ma anche per l’insistenza del direttore sportivo Giorgio Tomei: sono contento di questa scelta, anche se speravo di avere maggiore spazio a inizio stagione. Comunque il mister mi conosce bene e so che davanti c’è tanta concorrenza, quindi ho sempre rispettato le scelte dell’allenatore senza problemi”. In casa Albalonga nessuno pensa alla classifica: “Essere primi fa piacere, ma a questo punto della stagione non significa nulla. E’ giusto non parlare di obiettivi: più passa il tempo e più cresce la consapevolezza del nostro gruppo”.  Nel prossimo turno i castellani dalla delicata sfida sul campo del Bastia terz’ultimo: un’altra battaglia è in arrivo, ma l’Albalonga vuole alimentare i suoi sogni…

Print Friendly, PDF & Email