Albano Calcio a 5, vittoria 4 – 5 ad Anzio

Albano Calcio a 5, Coppa Lazio: vittoria 4 – 5 in casa del Città di Anzio. Le dichiarazioni del centrocampista Lorenzo Tudini

0
78
anzio_coppa
Vittoria ad Anzio in Coppa Lazio dell'Albano Calcio a 5

L’Albano Calcio a 5 viaggia senza impedimenti anche in Coppa Lazio, grazie alla vittoria per 4 – 5 in casa del Città di Anzio. La banda Cotichini parte in sordina andando subito in svantaggio, ma la gloria dei padroni di casa dura ben poco. Dopo l’1 – 0 della formazione anziate si è scatenato l’uragano albanense con un poker messo a segno in ordine da Guancioli, Bernoni, Guancioli e Fiacchi. A pochi secondi dalla fine della prima frazione il Città di Anzio ha accorciato sul 2 – 4. La ripresa parte con i locali arrembanti nel tentativo di risalire la china. Sforzi che pagano con il gol del 3 – 4, ma l’Albano Calcio regola di nuovo i padroni di casa a distanza di sicurezza con il 3 – 5 dello scatenato Guancioli. Il Città di Anzio non si arrende e mette a segno il 4 -5 finale. A fare la differenza in questo inizio così positivo di stagione, è stato anche Lorenzo Tudini. Un vero e proprio carrarmato insuperabile in mezzo al campo, una vera e propria lavatrice a centrocampo con tantissimi palloni rubati e messi a disposizione dei piedi educati degli attaccanti. Tudini ha commentato: «Questa vittoria conferma quanto di buono stiamo facendo in questo inizio di stagione. Come con il Carbognano, nel secondo tempo ci siamo ritrovati con gli uomini contati. Nonostante questo abbiamo lottato e portato a casa il risultato, che ci da molta fiducia in vista del ritorno. Sabato ci attende un’altra battaglia con il Poggio Fidoni, che dobbiamo affrontare con lo  spirito di sempre. Non vogliamo fermarci!». Lorenzo Tudini ha poi parlato del suo rapporto con i colori dell’Albano Calcio: «Sono attaccato a questa maglia e ho sentito la fiducia della società e del tecnico. La scorsa stagione non è stata facile, ma è servita per fare esperienza e apprendere a gestire la pressione in partite di questo livello. All’Albano devo tanto sotto diversi aspetti. In questi sei anni sono cresciuto sia come giocatore che come persona. Qui ho trovato dei valori che difficilmente si vedono dalle altre parti. Qui è come stare in famiglia».

Print Friendly