Albano, via al baratto amministrativo

0
1173
palazzo_savelli
Palazzo Savelli di Albano Laziale
palazzo_savelli
Palazzo Savelli di Albano Laziale

Via libera alla IUC (Imposta Unica Comunale che comprende TARI, TASI e IMU) per l’anno 2016 e al “baratto amministrativo”. A sancirlo il Consiglio comunale di Albano Laziale, riunitosi martedì 26 aprile.

L’Assessore al Bilancio, Alessio Colini, è intervenuto in particolare sulla TARI: «Per quest’anno possiamo considerare un piano aziendale relativo alla raccolta e smaltimento rifiuti che porterà tutto il territorio ad essere servito dal servizio di raccolta differenziata “porta a porta”. La tariffa TARI 2016, pur assorbendo il maggior costo del servizio, mantiene il primato di essere una delle tariffe più basse paragonandola con quelle dei comuni limitrofi. Inoltre con il nuovo regolamento si consente un’ulteriore agevolazione ai cittadini virtuosi che conferiranno le bottiglie di plastica nelle macchine “mangia plastica”. Infatti il contribuente accumulando degli “eco punti” potrà scontare direttamente in tariffa il bonus. La tariffa assorbe non soltanto i costi del servizio, la volontà di portare a compimento la raccolta differenziata su tutto il territorio, ma anche i crediti inesigibili relativi all’anno 2013, pari a 150 mila euro».

«Nella tariffa per l’anno 2016 – ha aggiunto Colini – abbiamo inoltre garantito uno sconto del 10% per i cittadini che vivono intorno alla discarica di Roncigliano».

L’Assessore al Bilancio è poi intervenuto sull’aiuto alle fasce deboli per il pagamento di tributi comunali tramite la forma del “baratto amministrativo”, come disposto dalla legge n. 164 del 2014: «Quella che oggi andiamo ad approvare è una delibera sperimentale che ci riserviamo di modificare, in base ai risultati della sperimentazione».

«L’Amministrazione – ha continuato Colini – ha messo a bilancio 25 mila euro per il “baratto amministrativo”. In questo senso l’Ufficio Ambiente congiuntamente con l’Ufficio tecnico metteranno a disposizione pacchetti di otto ore di servizi per la comunità da 60 euro l’uno che potranno essere scontati dai tributi».

«Entro il 30 novembre 2016 – ha concluso Alessio Colini – i Servizi Sociali pubblicheranno il bando, al quale potranno partecipare tutti i contribuenti che si trovano in difficoltà economica e sono interessati ad aderire al “baratto amministrativo”. Un sostegno forte per le tasche dei cittadini che va poi sommato al fatto che da quest’anno, per provvedimento del Governo, non si pagherà più la TASI sulle prime case non di lusso».

Il Sindaco Nicola Marini ha commentato: «Coerentemente con il programma amministrativo portiamo avanti il progetto di estendere progressivamente, su tutto il territorio, il servizio di raccolta differenziata “porta a porta”. Inoltre con la TARI 2016 andiamo a premiare chi ha comportamenti virtuosi. Proseguiamo così anche con l’attività di sensibilizzazione del principio del differenziare, del riciclare e riutilizzare. Senza considerare che nell’esame della tariffa non ci siamo dimenticati di chi ogni giorni vive i disagi dovuti alla vicinanza della discarica».

Il primo cittadino ha fatto poi riferimento al “baratto amministrativo”: «Si tratta di un ulteriore forma di sostegno al reddito con il quale dimostriamo attenzione verso le fasce più deboli».

Print Friendly, PDF & Email