Alla Locanda Martorelli restyling del Comune di Ariccia nell’area servizi

Archeoclub Aricino Nemorense APS:" In questi mesi sono stati realizzati dal Comune di Ariccia i lavori di manutenzione ordinaria alla Locanda Martorelli"

0
127
locanda_martorelli
Locanda Martorelli

“In questi mesi sono stati realizzati dal Comune di Ariccia i lavori di manutenzione ordinaria con una operazione di restyling del bagno con sostituzione dei sanitari, tinteggiatura delle pareti, lavori di sostituzione delle piastrelle, ripavimentazione di tutta l’area servizi della Locanda Martorelli-Museo del Grand Tour e la sistemazione di un lucernaio.  Tutti i lavori di ristrutturazione sono stati seguiti costantemente dall’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Ariccia Geom. Giancarlo Ciccarella che vanta una vasta esperienza nel settore e al quale va il nostro ringraziamento per l’affidabilità dimostrata nello svolgere il suo mandato assessorile. Si ringraziano altresì l’Amministrazione Comunale e il Vicesindaco Elisa Refrigeri per la costante presenza e partecipazione alle attività del Museo del Grand Tour. Una buona notizia dunque per l’efficienza e la valorizzazione di questo spazio museale tra i più interessanti dei Castelli Romani dove nel maggio 2019 sono stati eseguiti dai restauratori della YOCOCU (Youth in Conservation of Cultural Heritage), con autorizzazione e supervisione della SABAP RM MET, gli interventi di restauro conservativo  sulle preziose tempere murarie settecentesche. La struttura attualmente è aperta al pubblico con ingressi contingentati (massimo due-tre persone per volta). Ai visitatori, prima dell’accesso alla struttura, sarà misurata la temperatura corporea tramite termo scanner e l’accesso sarà consentito soltanto a coloro che indosseranno la mascherina, i guanti, igienizzeranno le mani (tramite l’apposita piantana con gel disinfettante posizionata all’ingresso) e manterranno la distanza interpersonale di un metro. I visitatori riceveranno una sorpresa perché nel frattempo Il Museo del Grand Tour ha arricchito ulteriormente la musealizzazione della Sala I con foto d’epoca, riproduzioni di celebri reperti, dipinti dedicati alla città tra ‘700 e ‘800, pannelli dedicati al celebre pittore Nino Costa e ad artisti e letterati danesi. Nella Sala IV la musealizzazione è dedicata alle Antichità di Ariccia e il visitatore sarà accompagnato alla scoperta dei culti aricini di Ippolito/Virbio, caratterizzato dal bifrontismo barbato imberbe, e della celebre Cerere del Casaletto con le stupende statue in terracotta rinvenute nella valle nel 1927. Gli orari di apertura al pubblico, esclusivamente su prenotazione, sono i seguenti: lunedì, giovedì e venerdì dalle ore 10:00 alle ore 12:30, sabato 16:00-19:00 e domenica 10:00-12:30” lo rende noto l’Archeoclub Aricino Nemorense APS.

Print Friendly, PDF & Email