Amèlie Nothomb, Cristo e la “Sete” di bellezza a Velletri Libris

"Amèlie Nothomb, Cristo e la “Sete” di bellezza: un’altra grande serata a “Velletri Libris”. I prossimo appuntamenti il 23 e 25 luglio

0
124
di_sora_nothomb_di_liberto
Daniela Di Sora, Amelie Nothomb, Angelo Di Liberto

“Amèlie Nothomb, Cristo e la “Sete” di bellezza: un’altra grande serata a “Velletri Libris”

Serata di letteratura internazionale a “Velletri Libris”: l’autrice belga Amèlie Nothomb ha presentato il suo ultimo splendido romanzo, “Sete”, edito da Voland. Davanti ad una Casa delle Culture e della Musica gremita, sempre nel rispetto del distanziamento, Amélie Nothomb ha dialogato con Angelo Di Liberto, noto scrittore italiano, e Daniela Di Sora della Voland editrice e traduttrice. “Sete” è un progetto editoriale che ha avuto una lunghissima gestazione, come è normale che sia viste le tematiche trattate, tutte di estrema importanza e richiedenti uno studio approfondito e meticoloso dei Vangeli e delle fonti. La libertà narrativa, però, ha impreziosito e non poco il risultato finale: la lettura scorre rapida, fluente, appassionante e attraversa l’intimità di ognuno di noi. Il protagonista, Cristo, è un
personaggio che diventa il più adatto ad incarnare un ruolo squisitamente letterario. L’inquadramento temporale della storia si colloca subito dopo il processo e la condanna ad opera di Ponzio Pilato: Gesù è solo, in cella, e vive l’ultima notte prima dell’esecuzione. La particolare situazione emotiva lo induce a raccontarsi, a parlare a cuore aperto, in tono quasi evangelico appunto, e il risultato è una “preghiera urlata”, definizione apprezzata dalla stessa Nothomb che l’ha trovata “geniale”. Sono tante le sfaccettature sentimentali che emergono dalle parole dell’autrice: amore, sofferenza, senso di colpa, libertà, nostalgia e, soprattutto, umanità. Il Cristo di “Sete” è profondamente umano, e per ciò irrimediabilmente bello. Proprio la “bellezza”, quella che si deve trarre dagli incontri letterari come specificato in apertura da Angelo Di Liberto, rimanda all’unione inossidabile fra la mente e il corpo, tra il pensiero e l’azione, tra l’emozione e la vita. Al termine della presentazione sono state numerosissime le domande provenienti dal pubblico, evidentemente coinvolto dall’atmosfera empatica che si è creata con i relatori. Il lungo firma-copie ha fatto da epilogo ad un’altra splendida serata della rassegna, ideata e realizzata dalla Mondadori Bookstore Velletri e dalla Fondazione De Cultura in collaborazione con Fondarc. Prossimi appuntamenti in calendario giovedì 23 luglio, quando Aurora De Marzi dialogherà con Luca Bianchini, autore di “Baci da Polignano”, e sabato 25 luglio con Edoardo Bennato e il suo “Girogirotondo”. L’ingresso è libero e si può prenotare al numero 0696155094 oppure tramite il sito ufficiale velletrilibris.it“. Lo rendono noto gli organizzatori.

Print Friendly, PDF & Email