Apre la biblioteca scolastica di Cecchina

Inaugurata la biblioteca dell'Istituto Comprensivo di Cecchina alla presenza di docenti e genitori con uno spettacolo allestito dagli studenti di Cecchina

0
514
inagurazione_biblioteca_cecchina
Inaugurazione Biblioteca IC Cecchina

Inaugurata la biblioteca scolastica dell’Istituto Comprensivo di Cecchina presso la storica sede di Piazza XXV Aprile, che ospita le classi delle medie. Un progetto realizzato coralmente da tutte le componenti che animano la vita scolastica: dal personale docente ai genitori, con il protagonismo degli studenti. Proprio dai ragazzi e dalle ragazze sono nati gli allestimenti e le decorazioni della sala dedicata, la catalogazione dei libri. “Una biblioteca che oggi apre e di cui da tempo si sentiva il bosogno, ha sottolineato il Dirigente Scolastico Prof. Pietro Volpones – ma che non si esaurisce oggi con la sua presentazione. L’obiettivo è quello di metterla in sinergia con le biblioteche comunali e col più ampio Sistema Bibliotecario dei Castelli Romani”. La scuola ha aperto inoltre un concorso di idee tra gli alunni per scegliere un nome da dare alla biblioteca, che si concluderà a Giugno. L’appello è di far crescere e completare la dotazione di libri ed è rivolto a tutti i cittadini di Cecchina. Per ora a disposizione si può trovare anche un congruo numero di materiale musicale tra pubblicazioni e dischi. Molto coinvolgente lo spettacolo allestito per tutta la mattinata dagli studenti: tra esibizioni musicali alla tastiera, o in accompagnamento di flauti e percussioni, letture, recitazioni di poesie e illustrazioni dei cartelloni affissi con la guida ai libri realizzati dai bambini stessi. Presente anche una delegazione di bimbi della scuola primaria da cui è partita l’iniziativa che ha portato all’allestimento della biblioteca. Tra i testi a disposizione c’è anche Lo Zibaldino: il giornale scolastico, giunto al secondo numero, realizzato sempre da una redazione di studenti cecchinesi, con la supervisione delle Prof.sse Fabiana Terenzi, Ivana Quaglia e Francesca Vinciotti.

Print Friendly, PDF & Email