Apre anno accademico l’Università della Terza Età di Marino

0
3071
Uni Tre Marino
Festa inaugurazione Università della Terza Età a Marino
Uni Tre Marino
Festa inaugurazione Università della Terza Età a Marino

ATTUALITA’ – «Siamo felici, come Amministrazione, di potervi essere utili e vicini e, insieme a voi, vivere un altro anno di cultura e formazione all’insegna di incontro, socialità, amicizia e condivisione». Così il presidente del Consiglio comunale di Marino Stefano Cecchi lo scorso 25 ottobre all’ hotel Helio Cabala di Marino. Nel giorno in cui l’Università delle Tre Età «Unitre» del presidente Marcello Zega, inaugurava l’Anno Accademico 2013/14 che inizierà il prossimo 4 novembre. Si concluderà il 30 maggio 2014. A rappresentare Palazzo Colonna anche l’assessore all’Urbanistica Gianfranco Bartoloni e il consigliere Biagio Cianci che, insieme a Cecchi, hanno fatto pervenire agli oltre quattrocento soci della realtà formativa il saluto e l’augurio di proficuo lavoro da parte del vice sindaco Fabrizio De Santis e degli assessori ai Servizi Sociali Remo Pisani e alla Cultura Arianna Esposito. Aperta, con soli dieci euro di iscrizione, a «studenti» dai 18 ai 90 anni e oltre, l’associazione (www.unitredimarino.it / 06.93.00.000) ha sede nei locali comunali di Santa Maria delle Mole, in piazza Palmiro Togliatti con disponibilità, per molte delle attività, concessa anche da parte del Centro Gnosis di via Boville 1. Tanti i corsi di vario livello proposti, con ottanta docenti qualificati a disposizione nella sede di Marino e nei nuovi distaccamenti di Albano e Castel Gandolfo. «Per i nostri soci – ha detto il direttore Miriam Tedeschi – percorsi educativi, formativi nei quali figurano l’inglese e il francese a tutti i livelli, informatica, spagnolo, pasticceria, pianoforte, pittura, ceramica e decorazione, psicologia, filosofia politica, laboratorio lettura e scrittura, mosaico, chitarra, scultura in legno e in argilla, taglio e cucito, gioielleria, yoga, arte dell’anima, meditazione, fotografia, fotovideo montaggio, archeologia, arte del cuoio, cucina, orticoltura biologica, potatura dei fruttiferi, riflessologia plantare, ricostruzione unghie, spazio domestico, storia dell’arte e delle religioni, canto corale. Oltre a ginnastica dolce, balli di gruppo, concerti, cineforum, gite, convegni, seminari, incontri culturali, storici, burraco e tanto altro. Con un progetto tutto nuovo legato al teatro». «Universalità, umiltà, umanità, unione. Questi – ha spiegato il presidente Zega –  i punti base delle attività proposte dal nostro centro che pongono la conoscenza e il sapere degli uni, a disposizione degli altri. Un percorso di comunicazione e incontro fra generazioni in nome di cultura e socialità. Senza dispersione di competenze e conoscenze, oltre i limiti e le barriere comunemente imposte dalla differenza di età» ha sottolineato affermando come UNITRE, realtà fondata a Torino nel 1975, sia presente in Italia con 330 sedi (16 nel Lazio) più altre all’estero, per un totale di oltre 100mila associati. La realtà è anche parte della FIAPA, dell’AIUTA e dell’Age Platform. «Irma Maria Re, il nostro presidente nazionale – ha fatto presente Marcello Zega – ha quasi novanta anni. Ed è continuamente in giro per il mondo per promuovere il nostro progetto di vita». «Come comunità – ha aggiunto Cecchi – siamo orgogliosi che l’Unitre di Marino, contenitore di valori quali umanità e sapere, sia conosciuta e apprezzata a livello nazionale. Per i suoi progetti e la sua operatività, le sue energie e le sue potenzialità. Un valore aggiunto del nostro territorio oltre che un esempio per i Comuni vicini, da condividere. Soprattutto nelle sue capacità inclusive e aggreganti. Il progetto di vita portato avanti da Unitre – ha concluso – troverà in noi degli interlocutori sempre disponibili a concedere attenzione e disponibilità. Per crescere, insieme, in nome di cultura e amicizia». Un ringraziamento particolare per la disponibilità è giunto da parte dell’ Unitre all’Helio Cabala e al suo direttore Stefano Santamaita e alla Gnosis rappresentata nell’occasione da Paolo Tracaldi. Così come all’Amministrazione per la costante presenza e ai docenti «che – ha concluso Zega – contribuiscono alla ricchezza e alla qualità dell’offerta formativa. Per proseguire nelle attività culturali con l’entusiasmo e il successo di sempre». Alla serata di apertura, era presente anche Ferdinando Onorati, coordinatore Unitre di Albano.

Print Friendly, PDF & Email