Ardea non è farwest e la Polizia Locale continua con i sequestri

Denunciate tre persone ad Ardea e sequestrato dalla Polizia Locale il terreno che stavano tentando di usucapire in zona di pregio sottoposta a vincolo

0
211
operazione_polizia_ardea
Operazione Polizia Locale ad Ardea

 

operazione_polizia_ardea
Operazione Polizia Locale ad Ardea

La Polizia Locale di Ardea ha scoperto come alcuni cittadini italiani residenti ad Ardea, di età compresa tra i 45 ed i 75 anni, abbiano tentato di impossessarsi di un terreno posizionato all’interno del consorzio di Tor san Lorenzo, terreno situato in una splendida posizione privilegiata proprio a ridosso del mare, area ora posta sotto sequestro dai caschi bianchi agli ordini di Sergio Ierace.

Tutto inizia nel maggio di quest’anno quando la Polizia Locale, a seguito di segnalazione, interviene nel terreno in questione situato in Lungomare delle Regioni intersezione Via Liguria, per la segnalazione del posizionamento di una abitazione prefabbricata in legno, tipo cottage, di oltre 30 mq. Immediato l’intervento degli uomini in divisa della Locale di Via Laurentina che, individuano colui che aveva fatto questo posizionamento, lo invitavano all’immediata rimozione, stante l’accertata assenza di qualsiasi certificato per l’installazione della piccola casa prefabbricata in argomento, in zona sottoposta a vincolo, poiché posizionata a ridosso della spiaggia, nelle immediate vicinanze della litorale dello stabilimento “Torre Marina”.

L’uomo in questione, dopo la rimozione, rivendicando la proprietà del lotto, faceva giungere documentazione che a suo dire avrebbe dovuto attestare la proprietà del terreno da lui pretesa.

I caschi bianchi, guidati dal Comandante Sergio Ierace hanno subito capito, dall’esame di quella documentazione che qualcosa non quadrava, Interessando così li

L”Ufficio Tecnico del comune di Ardea il cui dirigente Ing. Emanuele Calcagni, tramite gli uffici da lui coordinati, procedeva nell’esame del terreno in questione, scoprendo che in vero il terreno era il proseguimento della sede stradale del Lungomare delle Regioni. Nel contempo gli agenti che esaminavano gli altri documenti presentati dai sedicenti proprietari, autocertificazioni attestanti che dal 1990 sino al 2010 su tale terreno fossero stati eseguiti a loro dire lavori di manutenzione finalizzate ad usucapire il predetto terreno, scoprivano che tali atti presentavano timbri difformi rispetto a quelli originali dell’amministrazione di Ardea, accertando inoltre altre difformità sulla registrazione degli stessi.

Da lì l’intervento di sequestro del 16 u.s., dopo che giungeva una nuova segnalazione per la sostituzione, sul terreno su cui si stavano facendo gli accertamenti del caso, del recinto preesistente in rete metallica plastificata e pali, con un recinto in rete metallica del tipo elettrosaldata, fatto che non lasciava dubbi circa la commissione di un altro abuso su area sottoposta a vincolo. L’area risultava così ora totalmente chiusa. I caschi bianchi di Ardea, con il Comandante Sergio Ierace, al fine di eseguire gli atti chiamano sul posto coloro che avevano posizionato il recinto in questione e chiuso l’area, per procedere al sequestro della stessa. Ciò avveniva in un orario in cui diversi turisti erano di transito sul viale posto a ridosso del terreno in questione, per entrare ed uscire dall’arenile, che hanno assistito all’attività con grande stupore, anche in considerazione delle urla che uno dei tre uomini, individuati dalla Polizia Locale come falsi proprietari dell’area, emetteva dimenandosi e rappresentando animatamente che quanto detto dalla Locale non corrispondesse al vero. Sono stati così apposti i sigilli sull’area in questione, non con poche difficoltà proprio a causa della forte tensione che in quel momento si era venuta a creare, le urla hanno richiamato sul posto anche una pattuglia dei Carabinieri della Tenenza di Ardea, che restava li sino alla conclusione delle operazioni. Il sequestro eseguito è stato inviato alla Procura della Repubblica di Velletri, alla quale è stata inviata anche copiosa e circostanziata documentazione, attestante le attività svolte che hanno portato la Locale a denunciare i tre uomini per i reati di: occupazione abusiva, violenza privata, minacce, falso, induzione in errore di Pubblici Ufficiali, e truffa. Verranno comminati inoltre tutti i verbali amministrativi previsti dal caso. Non è la prima volta che la Polizia Locale di Ardea sequestra terreni sottratti alla collettività da persone che con meccanismi fraudolenti tentano di raggirare le leggi, ritenendo ancora lecito che sia possibile conquistare terreni come nel Far West ai danni della città di Ardea. Le indagini proseguiranno in tutte le direzioni e non si escludono altri sequestri stante l’attenzione chiesta al Comandante dr. Sergio Ierace dal Sindaco Mario Savarese, sensibile alle segnalazioni dei cittadini in materia.

Print Friendly, PDF & Email