Ariccia, polemica del Movimento Grilli pensanti

Polemica sulla Tarsu ad Ariccia del Movimento Grilli pensanti che si scaglia contro l'Amministrazione guidata da Roberto Di Felice

0
638
Ponte Ariccia
Il ponte di Ariccia collega la città dei Castelli Romani con la vicina Genzano di Roma

“L’AMMINISTRAZIONE sta per caso usando LA TARSU, impropriamente,  PER AUMENTARE LE ENTRATE FISCALI DEL COMUNE DI ARICCIA? – si domanda il Movimento Grilli pensanti Ariccia. Questa è la domanda che il Movimento dei Grilli pensanti di Ariccia pone all’attuale amministrazione Di Felice, attraverso un manifesto affisso sulle plance comunali. Ad Aprile, il Movimento dei Grilli Pensanti di Ariccia, chiese pubblicamente all’Amministrazione DI QUALE IMPORTO I VIRTUOSI E DISCIPLINATI CITTADINI DI ARICCIA AVREBBERO POTUTO BENEFICIARE COME RIDUZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI E, SOPRATTUTTO, IN QUALE DATA. Da allora, non solo nessuna risposta alla domanda è venuta ma, addirittura, sono incominciate una serie di azioni e comunicati da parte dell’Amministrazione, che vanno solo nella direzione di USARE LA TARSU, se così fosse, impropriamente,  PER AUMENTARE LE ENTRATE FISCALI DEL COMUNE DI ARICCIA. Altra spiegazione non riusciamo a trovare: a meno che la Ditta appaltatrice non abbia denunciato e reclamato maggiori costi per la copertura del servizio, cosa che, a nostro avviso, NON è possibile. O che, l’Amministrazione, le stia chiedendo “SERVIZI” NON PREVISTI DAL CONTRATTO STIPULATO, cosa che, se fosse, dovrebbe essere chiarita – continua il movimento. Infatti:

  • È incominciata una vera e propria “caccia” al Cittadino indisciplinato che, più che per “convincere” a conferire correttamente i rifiuti, sembra avvenire per incassare altri soldi attraverso l’erogazione di multe;
  • Si è incominciato a fare richieste di “giustificazioni” un pochino “vessatorie” a Cittadini che, secondo la Ditta,  escono dalle “loro” aspettative di conferimento;
  • Ma soprattutto, si è incominciato a rendere oneroso il conferimento nell’isola ecologica di rifiuti DIFFERENZIATI se si superano quantitativi, in alcuni casi risibili, senza fornire alcuna giustificazione di tale nuove regole: per caso, i Cittadini di Ariccia hanno RADDOPPIATO i loro rifiuti mettendo in crisi il sistema? A noi, non sembra.

 

 

Il tutto, mentre si dichiara che la quota di differenziato supera per la prima volta la fatidica quota del 76%, testimoniando di fatto che i Cittadini di Ariccia si stanno comportando bene nel conferimento dei rifiuti. Quello che è certo, è l’ASSOLUTA MANCANZA DI TRASPARENZA su tali temi dell’Amministrazione, che a nostro avviso dovrebbe motivare queste decisioni inconcludenti e spiegare chiaramente – conclude il Movimento Grilli Pensanti Ariccia – ai Cittadini di Ariccia: PERCHE’ LA TARSU NON VIENE RIDOTTA? ALTRIMENTI, LA DOMANDA SORGE SPONTANEA: L’AMMINISTRAZIONE sta forse nascondendo qualcosa alla Cittadinanza SULLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI?”

 

Print Friendly, PDF & Email