Atletica Cecchina protagonista al Trofeo nazionale Bravin

Il tecnico Alfredo Bocchino traccia un bilancio delle attività dell'Atletica Cecchina prima dell'inizio dei lavori di rifacimento della pista di Cecchina

0
177
calvaruso_atletica_cecchina
Alice Calvaruso dell'Atletica Cecchina nei 300 ostali

Tempo di primi bilanci stagionali per l’Atletica Cecchina, diamo la parola al tecnico Alfredo Bocchino.

“Siamo molto soddisfatti del sesto posto ottenuto con le nostre ragazze del settore femminile agli ultimi Campionati Societari, che ci pone alle spalle di società di grande blasone quali l’Esercito, le Fiamme Gialle e l’Andrea Milardi di Rieti”.

Gli atleti e le atlete dell’Atletica Cecchina anche quest’anno hanno partecipato, rappresentando il Comune di Albano al Palio dei Comuni, al Golden Gala di Roma, classificandosi 14esimo su 180 Comuni partecipanti, dopo le due finali ottenute nelle precedenti edizioni 2017 e 2018.

Come sono le risposte dei ragazzi e delle ragazze nella partecipazione e nella pratica dell’atletica leggera?

“La linea della nostra società è di collaborare e lavorare molto con le scuole del territorio, attraverso varie iniziative rivolte ai giovani per approcciarli nel modo più sano allo sport. Due sono gli appuntamenti cardine durante l’anno attraverso cui si sviluppano le attività di reclutamento: Natale in Pista e le Mini Olimpiadi, giunte oramai alla nona edizione. Tutte queste manifestazioni le svolgiamo presso il campo di via Spagna a Cecchina”;

A proposito del campo di Cecchina: è notizia di qualche settimana fa, l’ottenimento da parte del Comune di Albano, di un finanziamento del Credito Sportivo, per l’ammodernamento dell’impianto ed il rifacimento della pista. Quanto inciderà questo sulle vostre attività?

“Avere una pista e delle attrezzature moderne è fondamentale per le nostre discipline. Non solo per mettere a loro agio gli atleti, ma per prevenire infortuni e per programmare un lavoro che innalzi la competitività dei nostri atleti a livello assoluto”.

L’Atletica Cecchina vanta anche nel recente passato titoli sportivi significativi come una campionessa ed una vice campionessa italiana assoluta, rispettivamente ottenuti con Giulia Poeta, nel salto in alto, e con Francesca Bocchino nella marcia. L’ultimo alloro in ordine di tempo quello di Alice Calvaruso che i 300 mt ostacoli, stabilendo il suo primato personale, al Trofeo nazionale Bravin disputato presso lo Stadio delle Terme di Caracalla a Roma nella categoria cadetti.

Anche nell’atletica leggera sembra che le ragazze stiano trovando una supremazia sia in termini di risultati che in quanto a quantità di praticanti: anche voi riscontrate questo fenomeno?

“Personalmente do una motivazione tecnica ad un fenomeno che vede le donne un settire in forte crescita, anche nello sport di base oltre che in quello agonistico. Se negli ultimi decenni la motricità dei ragazzi si è fermata, perché purtroppo sono sempre più i giovani che non giocano all’aria aperta, per mancanza spesso di spazi e di occasioni, mentre le ragazze mantengono un livello di motricità fisica costante, che le pone oggi in una maggiore possibilità di gareggiare con risultati apprezzabili”;

Obiettivi futuri?

“Vorremmo continuare a lavorare con i più giovani, come nella filosofia della società: in particolare abbiamo un gruppo di atlete del 2004-05 su cui intendiamo investire, vedendo ottime potenzialità”.

Print Friendly, PDF & Email