Atletico Morena, pareggio a Rocca di Papa con il gol di Simone Tarquini

0
1002
simone_tarquini_bomber_altletico_morena
Simone Tarquini, bomber Atletico Morena
simone_tarquini_bomber_altletico_morena
Simone Tarquini, bomber Atletico Morena

Un mattoncino, o forse qualcosa di più. La Seconda categoria dell’Atletico Morena ha pareggiato il big match sul campo del Real Rocca di Papa per 1-1, mantenendo la vetta del girone con quattro punti di vantaggio sugli avversari di domenica scorsa, cinque sulla Nuova Castelli Romani e sei sul Pibe de Oro (che hanno entrambe pareggiato). A siglare il gol del pari, in pieno recupero, è stato il bomber Simone Tarquini, autore di 19 marcature stagionali. «Indubbiamente è la mia rete più pesante quest’anno – ammette l’attaccante -. Anche se non vale tre punti (solo formalmente, visto che col successo i rocchiggiani sarebbero arrivati a meno uno dalla squadra capitolina, ndr), serve a mantenere distante una diretta concorrente e a darci una grande spinta in vista delle ultime cinque partite di campionato. Ma c’è ancora da sudare, non abbiamo ancora vinto nulla». Sulla gara l’analisi di Tarquini è semplice. «E’ stata una partita con poche occasioni. A metà ripresa il Rocca di Papa è passato in vantaggio sugli sviluppi di un calcio da fermo, ma noi siamo stati bravi e fortunati a riacciuffare un pareggio importantissimo». Nel prossimo turno, la squadra di mister Andrea Aquilanti ospiterà al centro sportivo “Fabrizi” lo Sporting Torbellamonaca. La squadra avversaria naviga a metà classifica e potrebbe arrivare scarica all’appuntamento: un’ipotesi che Tarquini e l’Atletico Morena scansano immediatamente. «Quando si incrocia la prima della classe si vuole fare sempre una bella figura. Tra l’altro il Torbellamonaca è una buona squadra che anche all’andata ci ha creato qualche difficoltà, dunque noi dobbiamo pensare a fare la nostra partita e a non commettere errori. Quella di domenica – conclude l’attaccante – sarà la prima di cinque gare insidiose: siamo nella fase di campionato più delicato e non si può sbagliare nulla».

Print Friendly, PDF & Email