Audizione in X commissione consiliare regionale su variante via Reverberi del Comune di Ciampino

"Regione verificherà prescrizioni espresse con atto di approvazione, opera pubblica incoerente con obiettivi di riqualificazione"

0
131
viareverberi
Variante via Reverberi

“AUDIZIONE IN X COMMISSIONE CONSILIARE REGIONALE SU VARIANTE VIA REVERBERI DEL COMUNE DI CIAMPINO

“REGIONE VERIFICHERÀ PRESCRIZIONI ESPRESSE CON ATTO DI APPROVAZIONE. OPERA PUBBLICA INCOERENTE CON OBIETTIVI DI RIQUALIFICAZIONE”.

“L’audizione svolta oggi (martedì 27 ottobre ndr), in via telematica, dalla X^ Commissione – Urbanistica, politiche abitative e rifiuti – del Consiglio Regionale del Lazio è stata importante ed utile a rappresentare tutte le criticità da sempre sollevate sul Programma Integrato d’Intervento di Via Reverberi”. E’ quanto dichiarano in una nota congiunta Guglielmo Abbondati a nome dell’Associazione Officine Civiche, Marina Veneri per Ciampino Bene Comune ed Alessandro Porchetta Capogruppo di Diritti in Comune in Consiglio comunale.

“Ringraziamo il Presidente della Commissione Marco Cacciatore – dice Guglielmo Abbondati – che si è reso disponibile ad accogliere la nostra richiesta di audizione. Abbiamo avuto modo di  illustrare il lungo iter amministrativo della variante urbanistica, approvata nel 2018 dalla Regione Lazio e la recente scelta dell’Amministrazione Ballico di individuare nel completamento del teatro e della biblioteca comunale, l’opera pubblica da realizzare dal privato con gli oneri extra standard, fuori dal contesto  dove si attuerà l’intervento”.

“Abbiamo ricordato – continua Marina Veneri – che  la stessa Regione ha espresso all’atto di approvazione della Variante una serie di prescrizioni e raccomandazioni da osservare nel prosieguo dell’iter urbanistico, garantendo in particolare l’approfondimento in merito all’attuazione unitaria del comprensorio G4 del PRG, nel cui ambito è ubicata l’area d’intervento e contemporaneamente la coerenza tra gli obiettivi di riqualificazione del programma integrato e l’interesse pubblico rappresentato dall’individuazione delle opere extra-standard previste”.

“Benché nell’ultima delibera approvata a Luglio – ha precisato Alessandro Porchetta – fosse richiamata una generica conformità alle prescrizioni dettate dalla Regione, non si evince nell’atto di Consiglio comunale alcun elemento di riscontro in merito agli approfondimenti richiesti dalla Regione. Abbiamo preso atto dell’impegno assunto dalla segreteria dell’Assessore Valeriani a compiere un’indagine per la verifica di ottemperanza di tali prescrizioni. Resta incomprensibile – conclude il capogruppo di Diritti in Comune –  l’assenza da parte della Sindaca Ballico, che seppure invitata, non ha neanche delegato qualcuno dell’Amministrazione a partecipare alla seduta della Commissione”. Lo dichiarano  Guglielmo Abbondati a nome dell’Associazione Officine Civiche, Marina Veneri per Ciampino Bene Comune ed Alessandro Porchetta Capogruppo di Diritti in Comune in Consiglio comunale.

Print Friendly, PDF & Email