Aversa chiede conto a Palozzi sul “caso Mattei”

0
1076
marco_mattei
Marco Mattei
marco_mattei
Marco Mattei

“(Dal Corriere della Sera) “ROMA – I tentacoli della «piovra» sul centro storico: dalle carte dell’inchiesta Mondo di Mezzo appare in modo evidente che Carminati e soci puntavano a Campo de’ Fiori, Villa Borghese, Colle Oppio, piazza Vittorio. Dalle biciclette al controllo della movida, dal decoro fino ai «punti verde qualità», fino all’impianto rugby del Tre Fontane, nel salotto buono dell’Eur. E dalle carte spunta l’assessore regionale, ai tempi della giunta Polverini, Marco Mattei: due gli incontri documentati dal Ros in un ristorante di via Flaminia proprio con Massimo Carminati e Salvatore Buzzi, il capo della cooperativa 29 giugno al centro dell’inchiesta. Il primo incontro si svolge il 30 aprile del 2013, il secondo avviene il 15 gennaio 2014: in quest’ultima occasione i Ros li fotografano anche all’uscita del locale, parlottano, Mattei poi si allontana con la sua auto, gli altri due continuano a parlottare. Carminati mostra dei documenti a Buzzi.”.

“Ho letto questa cronaca – dichiara Maurizio Aversa, responsabile Pdci per la campagna elettorale amministrativa di Albano – e, non ho che potuto rapportarla ad una cronaca di qualche giorno fa sui quotidiani online dei Castelli romani in cui veniva descritta l’iniziativa di Forza Italia ad Albano. Tra chi mostrava la “rinascita di forza Italia”, e chi sottolineava, come era nelle intenzioni degli organizzatori, “che è possibile unire le forze”. In verità, altri, veritieramente hanno anche messo l’accento sul fatto che di fronte ad un balletto di candidature a sindaco per la destra e il centrodestra, si potevano contare un paio di buoni intenzionati a fare un passo indietro. Ma, il più atteso, quello che è da sempre nella destra castellana – continua Aversa – l’avversario interno di Adriano Palozzi, cioè Marco Mattei, questo non lo ha fatto. Anzi – continua Aversa – nelle cronache si sottolinea proprio che l’ex sindaco di Albano era presente con propri sostenitori, ma lontano dalla presidenza e senza prendere la parola. Dunque quasi un buco nell’acqua la volontà palozziana di mostrare una unità politica ed elettorale.

Poi accade, nel giro di ore e nel groviglio ancora non risolto del tutto, che Mafia Capitale colpisce la destra ed una cooperativa gestita come una centrale di potere. Accade che, come testimonia il Corriere nello stralcio riportato qui sopra, anche Marco Mattei deve qualche spiegazione. Ecco allora che qui la vicenda, che non è mai stata solo criminale, per la città di Albano, e per i cittadini di Albano, compresi quelli schifati che da parecchio non sono andati a votare perché fregati dal ritornello “so tutti uguali”, hanno la possibilità, hanno il diritto di sapere, per poi poter scegliere. Anche tornando al voto. La faccenda per Albano assume l’esatto contorno politico. Politico e morale. Dunque, – conclude Aversa – Adriano Palozzi, capo di Forza Italia in provincia di Roma, ora sei chiamato a rispondere pubblicamente: Marco Mattei è una energia che Forza Italia, vuole utilizzare e proporre ai cittadini come parte di un centrodestra che si candiderebbe in alternativa al governo attuale della città di Albano?

A questo, politicamente e moralmente, e ora, e non in politichese, Adriano Palozzi e Forza Italia devono rispondere ai cittadini di Albano”.

Print Friendly, PDF & Email