Aversa Pdci “Presenza Comune ad #antimafiacapitale col metodo sbagliato”

0
701
aversa
Maurizio Aversa segretario Pci di Marino
Maurizio Aversa
Maurizio Aversa segretario Pdci di Marino

“Il comune di Marino, – dichiara in una nota Maurizio Aversa segretario del Pdci di Marino – tramite il rappresentante ANCI del consiglio comunale, Stefano Cecchi, ha inteso aderire e partecipare alla manifestazione contro la mafia, indetta dal PD e ampliata alla partecipazione – pure critica, come dimostrato dalla partecipazione dei movimenti per la casa presenti che hanno contestato gli esponenti PD – di chi volesse testimoniare il no alla mafia.

Poiché la mafia, come diceva Peppino Impastato, “è una montagna di merda”, chiunque manifesti contro la mafia, soprattutto se sia coerente e conseguente tra il pronunciar parole e adottare fatti conseguenti, ha il nostro pieno assenso.

Per questo, accettando il richiamo ad elevare in alto la battaglia contro la mafia, non seguiamo la moda, e la facile (non per questo non veritiera) polemica rivolta contro il comune di Marino che ha voluto aderire “rispondendo all’ANCI nazionale e regionale” visti arresti e indagini in corso.

Invece, ciò che contestiamo è il merito e metodo – continua Aversa – utilizzato per partecipare.

Infatti, se il consigliere delegato si è sentito in dovere di avere il consenso del vicesindaco (cioè la persona più prossima al potere oggi sottoposto a indagine, vista la sua assunzione di guida grazie a Silvagni che l’ha nominato); nonché del presidente del Consiglio comunale (che è noto è parte fondante della maggioranza di Palazzo Colonna);

davvero non si comprende come mai il delegato ANCI (associazione nazionale comuni d’Italia), che vuole imprimere e proporre un innalzamento della battaglia, non ha sentito – nel merito e nel metodo – il dovere di coinvolgere, ascoltare, ed eventualmente trovare il consenso alla partecipazione da parte di consiglieri dell’opposizione.

 

Nella specificità del caso, nel non ricorso alla partecipazione e al confronto, questo comportamento mostra l’incapacità e l’inadeguatezza a voler combattere la mafia, anche in questo caso.

 

Infatti, la prima regola per battere la mafia, è unire le forze e non isolare nessuno se non gli stessi mafiosi.

 

Ci attendiamo, a questo punto, una rettifica che corregga l’errore compiuto, una migliore comunicazione ai cittadini in – conclude Aversa – tal senso; in mancanza di ciò, resta solo la conferma della inefficacia, inutilità e vacuità di questa Giunta e di questa maggioranza. Tanto da confermare la giustezza delle richieste di scioglimento del consiglio comunale”.

Print Friendly, PDF & Email