Aversa positivo sull’esito del congresso Pd di Marino

0
1236
aversa
Maurizio Aversa segretario Pci di Marino
Maurizio Aversa
Maurizio Aversa segretario Pdc di Marino

POLITICA – Sabato 26 – con invito a forze politiche – e domenica 27 con partecipazione di iscritti – vecchi e nuovi – si è svolto il Congresso Pd del comune di Marino. A S.Maria delle Mole, negli storici locali della sezione comunista, acquistata grazie ad una sottoscrizione popolare durata alcuni anni.

“Facciamo un piccolo omaggio a Luigi Magni, l’ottantacinquenne regista romano (innamorato di Roma) che ci ha lasciato in questi giorni. Il riconoscimento sarà – dchiara a commento del congresso il segretario dei Comunisti Italiani di Marino, Maurizio Aversa – il piano-sequenza, in avvicinamento sull’oggetto principale del nostro interesse. Lo zoom alla fine sarà nitido, al contrario dell’azione di avvicinamento. Infatti, abbastanza al di fuori dei canoni di duro confronto aperto, come di solito ama fare la sinistra e suoi derivati, questo congresso nazionale che si chiuderà con “le primarie del segretario del Pd l’otto dicembre”, appare come un confronto ruvido, ma non uno scontro su contenuti. Perché? Perché chi per comodità (opportunismo avremmo detto una volta, caro Renzi), chi per mancanza di mezzi (siamo una minoranza piccola, quasi gruppettari, avremmo sempre descritto tanto tempo fa, cari Civati e  Pittella) – continua Aversa – chi per senso di responsabilità (perché vero segretario in pectore, avremmo descritto allora, caro Cuperlo), tutti hanno consentito che lo spettacolo del confronto fosse offerto al pubblico. E poco nulla è restato dello scontro politico sui contenuti che sostenitori e aderenti, rappresentanti e militanti avrebbero il diritto-dovere di fare. Così, col primo piano sequenza, appare solo un confronto arcigno sui modi, una differenziazione fatta d persone e simpatie, di “bucare lo schermo” e di nuovo, più nuovo, nuovissimo: con grande spreco e spargimento di fogli al vento della cultura gramsciana. Detto ciò – aggiunge Aversa – ci avviciniamo col piano sequenza e scopriamo che Roma, e Roma e il Lazio, e Roma e la provincia e la regione, hanno fatto una sorta di ragionamento “unitario” che è emanata dalla intelligenza strategica di Goffredo Bettini. Cosa ha inventato il nostro? Per grandi linee, ha detto, qui il Pd va proprio male (come identità e come appeal, a parte i risvolti positivi elettorali). Quindi è tutto da rifare. Ma per rifare tutto non ci si può mettere a dettare, a scontrarsi, a contarsi. Meglio una decisione a priori e poi iniziare a lavorare davvero. In tal senso, sembra, c sia un accordo strategico per favorire Renzi a livello nazionale e un sicuro sostenitore di Cuperlo a Roma (Lionello Cosentino). Detto, fatto. Si sta procedendo così. E qui, interviene un doppio problema da affrontare – riflette Aversa – da un lato tenere conto che ci saranno a primavera le Europee, e che, per molti comuni ci sarà il rinnovo amministrativo. In tale senso, e qui lo zoom di Gigi Magni fa un altro avvicinamento, la discussione per programmi e candidati europei verrà dopo. Mentre per le città e i comuni in cui si rinnoveranno consigli e amministrazioni, si apre una partita a parte, impossibile da concordare a tavolino. Qui facciamo, l’ultimo zoom di avvicinamento a Marino, e non possiamo che rilevare come positiva l’intelligenza, e le scelte unitarie nate proprio per gestire il congresso- ma anche per predisporre il partito ad un ruolo di responsabilità nei confronti della città, e nei confronti della coalizione eventuale che si assemblerà (che è già con le parti componibili sul bancone da lavoro) con lo scopo chiaro e netto di proporsi come nuovo governo per la città, alternativamente alla destra che fino ad oggi (dopo otto anni) ha fatto malgoverno e guai per i cittadini. In tal senso il congresso è stato preparato con trasparenza, con partecipazione viva, con idee chiare esposte in pubblico, con consenso e condivisione delle linee guida sui rifiuti, come sull’urbanistica, sulle vocazioni economiche e sociali di tutto il territorio di Marino, così come sulla priorità per scuola, cultura e sociale; da parte non solo di aderenti al Pd, ma degli stessi alleati che – conclude Aversa – si stanno confrontando per chiudere il cerchio”. Gli interventi di Sergio Mestici (Psi), di Marco Comandini (Idv), di Marco Rapo (Az.Cit.), di Mirko Laurenti (Sel), di Alessandro Lioi (Com.Citt.), di Giulio Santarelli (Riformisti Avanti!) e di Maurizio Aversa (Pdci), oltre i saluti giunti da Rifondazione Comunista, sono la testimonianza, non formale, della collaborazione per realizzare proprio quella proposta totalmente alternativa al governo della destra marinese. Per questo, il fatto che il congresso di circolo per la elezione del gruppo dirigente che dovrà continuare a condurre in porto quanto già in preparazione, è “un ottimo segno – dichiarano dagli ospiti – di unità, di sicurezza, di coerenza col percorso svolto fino ad ora. La stessa rielezione del segretario, unanimemente sostenuto, Franca Silvani, ed un Direttivo espressione plurima delle sensibilità interne al Pd, sono prova di maturità ed autonomia politica” che gli osservatori hanno salutato con grande positività. Le votazioni che si sono svolte per il segretario hanno dato il seguente esito: Lista locale unitaria collegata al segretario Franca Silvani: iscritti 308 –  votanti 253 –  voti 250.

Per quanto attiene alle votazioni per la composizione del Provinciale e l’elezione del segretario provinciale (Roma esclusa): Lista Uniti per Rocco Maugliani 230 – Lista Gara 17.

Al congresso provinciale quindi sono stati delegati: TRABALZA DOMENICO, CARACCI MARIA ASSUNTA 3. DI MARCO QUIRINO 4. PACE DANIELA 5. MOLINARI FABIO

6. CIAFFONI SIMONETTA 7. CUPELLINI GIULIO 8. LA MANNA VIRGINIA

 

La composizione unitaria del gruppo dirigente del comune di Marino, grazie alla Lista Unitaria, avrà questa composizione: SILVANI FRANCA, segretario,

1 ALBERTI PIERO 2 BLANDINI MARIA 3 AMBROGIANI SERGIO 4 CASALE MARIA LUISA 5 BERDINI GIANNI 6 DUCA EVA 7 BUCCI ADRIANO 8 ELEUTERI ILARIA

9 CIAGLIA CLAUDIO 10 FEDELI ANGELA 11 TRABALZA DOMENICO 12 PACE DANIELA

13 DE PETRILLO PASQUALE 14 PAGLIARINI DANIELA 15 IOZZI ENRICO 16 ROCCHI GRAZIELLA 17 COLONI ALESSANDRO 18 SANTURELLI SERENA 19 PROTANI ALBERTO 20 TOMASSI MARINA 21 SGRIGNUOLI GIORDANO 22 FERRAZZI ALESSANDRA 23 PAGLIA SERGIO 24 RUSSO MARIA LUISA (m.a.)

 

 

Print Friendly, PDF & Email