Avis di Rocca Priora, festeggiato il trentennale dalla fondazione

0
758
trentennale_avis_rocca_priora
Trentennale Avis Rocca Priora
trentennale_avis_rocca_priora
Trentennale Avis Rocca Priora

Grande successo di partecipazione e di ospiti nella giornata di Domenica 10 Luglio per il 30° Anniversario di fondazione dell’AVIS di Rocca Priora. Per l’occasione, dopo la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Raffaello Martinelli, si è svolta nell’Auditorium della Banca BCC del Tuscolo di Rocca Priora la “Festa del Donatore” con la premiazione dei “Donatori benemeriti”. Erano presenti, nel dettaglio, il Presidente Provinciale AVIS, Eugenio Fratturato; il Presidente AVIS di Velletri, Luciano Rutigliano; il Presidente AVIS di Rocca di Papa, Bruno Eleuteri; il Presidente AVIS di Lariano, Gabriele Ludovisi; il Presidente AVIS di Ciampino, Umberto Cedroni; il Presidente AVIS di Genzano, Patrizia Pozzana; il Presidente AVIS Colleferro, Lorenzo Osmai; il Presidente AVIS AnzioNettuno, Sharon Silvi; il Direttore Sanitario centri trasfusionali, Dott. Luca Aldegheri e il Dott. Giuseppe Nestola e numerosi soci donatori dell’AVIS comunale di Rocca Priora. Per l’Amministrazione comunale presenti anche i consiglieri comunali Davide De Righi e Maria Rita Mastrella. “Un evento importante per un’associazione che in trenta anni è riuscita a diventare un punto d’incontro per oltre 300 volontari – ha spiegato il sindaco di Rocca Priora, Damiano Pucci. – La “Festa del Donatore” è un’occasione imperdibile per ribadire con forza quanto l’AVIS di Rocca Priora abbia fatto del bene perseguendo il messaggio “il sangue salva la vita”. Da parte mia e dell’intera Amministrazione comunale vada al Presidente, Ennio Mauro Fidaleo, e a tutti i volontari, il più sentito grazie per l’impegno e la generosità a favore degli altri. I risultati ottenuti ci invitano ad ottimizzare la presenza dell’AVIS di Rocca Priora nella Casa della Salute della struttura ospedaliera “A. C. Cartoni”. Una sinergia con la ASL RM 6 che potrà garantire l’ennesimo passo avanti nel miglioramento dei servizi socio-sanitari del territorio”.

Print Friendly, PDF & Email