Bassani, “Il Pd a Monte Compatri alternativa a Sindaco bugiardo”

0
1067
bassani
Fausto Bassani Segretario Pd Monte Compatri
bassani
Fausto Bassani Segretario Pd Monte Compatri

La definizione di estate calda certamente si attaglia al clima politico agostano vissuto a Monte Compatri, con continui botta e risposta tra Sindaco e Partito Democratico, su molti temi scottanti che investono il territorio. Ascoltato il Sindaco, è ora la volta del Segretario cittadino del partito di Matteo Renzi, Fausto Bassani, ad essere ospitato sulle pagine di Meta Magazine. A breve proprio sul territorio di Monte Compatri la nostra testata proporrà iniziative crediamo di pubblico interesse per la comunità locale tutta.

Bassani, in estate ha polemizzato con il sindaco De Carolis su via delle Carrarecce e sull’approvazione del bilancio. Dopo qualche settimana qual è il punto di vista suo e del Pd locale su questi due temi?

“Non è nostro costume polemizzare con chicchessia figuriamoci con chi, come in questo caso, dovrebbe rappresentare la collettività nella quale operiamo. Purtroppo spesso siamo trascinati in sterili polemiche da un sindaco che non sa quel che dice, che si pone con arroganza e che attraverso delle madornali menzogne tenta di screditare chi come noi ha opinioni diverse dalle sue su come affrontare i problemi di Monte Compatri. Su via delle Carrarecce siamo stati interessati da esasperati cittadini che ormai da anni chiedono all’amministrazione comunale di sistemare la strada e che non hanno mai avuto risposta. Questi ultimi, avendo trovato accoglimento dalla Regione Lazio alle nostre istanze avanzate in nome e per conto loro, ci siamo limitati a dare comunicazione di un imminente intervento di risanamento della strada. Ci saremmo aspettati dal sindaco una presa d’atto di questa bella notizia e un impegno solerte, maggiore e rinnovato a far si che l’intervento si realizzasse nel minor tempo possibile. Al contrario, il primo cittadino ha cominciato ad insultarci e a trattarci come dei mistificatori della realtà, da qui la polemica che ne è scaturita. Intanto noi stiamo proseguendo con il nostro impegno, adoperandoci presso la Regione Lazio, sollecitando l’intervento su via delle Carrarecce e cercando di risolvere i problemi dei cittadini. Sul bilancio abbiamo votato contro e abbiamo rappresentato in consiglio comunale le nostre posizioni ritenendolo un atto del tutto inadeguato a quelle che sono le reali esigenze di Monte Compatri e dei Monticiani, un bilancio senza nessuna caratterizzazione e senza nessuna proposta vera che metta in cantiere i progetti necessari a risollevare Monte Compatri dalla condizione di estremo degrado in cui versa. Inoltre abbiamo indicato come tecnicamente ci siano incongruenze enormi tra quanto scritto nel bilancio e quanto rappresentato nella relazione di approvazione del revisore dei conti unico, con la conseguenza di generare tanti dubbi sulla legittimità delle carte. Infine il sindaco con le solite bugie attraverso gli organi di stampa, dopo l’approvazione del bilancio, dichiarava la sua soddisfazione per non aver aumentato le tasse ai cittadini: niente di più falso. L’amministrazione comunale, infatti, con questo bilancio ha imposto ai cittadini una quota maggiore di partecipazione alle spese per il buono pasto nella mensa scolastica. Le famiglie, quindi, spenderanno di più per il pasto dei figli. Ci sembra che già questo è un aumento che peserà sui bilanci familiari e che ha già agitato le acque nei rapporti tra le mamme e l’amministrazione comunale. Tutto questo smentisce realmente quanto dichiarato dal sindaco”.

Visto il dibattito in corso, ci dica sulla discarica di via Casilina, il Pd di Monte Compatri ha una proposta alternativa per la gestione complessiva del ciclo di raccolta dei rifiuti?

“Quello dei rifiuti è un problema complesso reso ancora più difficile dalle continue mancanze di quest’amministrazione. La raccolta differenziata si è avviata senza prima realizzare e rendere operativa l’isola ecologica che è l’elemento essenziale per mettere a regime e per far funzionare la raccolta differenziata. In secondo luogo non è stata praticata la strada della lotta agli evasori: oltre a non pagare, gettano i rifiuti per strada riducendo Monte Compatri ad un ricettacolo di immondizie. La terza cosa da sottolineare è che la società incaricata del servizio ad oggi non sta ottemperando il contratto d’appalto con il Comune di Monte Compatri quasi nella sua totalità. Il tutto si somma all’incapacità dell’amministrazione comunale di rappresentare gli interessi dei cittadini: dovrebbe lavare sistematicamente i raccoglitori condominiali e non lo fa, dovrebbe raccogliere gli ingombranti e non lo fa, dovrebbe appunto individuare da contratto coloro i quali smaltiscono in modo improprio e non lo fa, insomma una gestione fallimentare tutta da rifondare”.

Segretario Bassani, è stato protagonista assieme al Pd monticiano di un estate di botta e risposta con De Carolis e la sua Amministrazione. Cosa si sente di dire ai nostri lettori alla fine della stagione estiva su queste polemiche?

“Avevamo ragione noi, l’arroganza del sindaco e il suo atteggiamento antidemocratico ha reso l’estate monticiana veramente insignificante, abbiamo speso come collettività un sacco di soldi e i risultati possono essere così riassunti: una proposta culturale e folcloristica delle iniziative veramente sbiadita che ci ha relegato all’ultimo posto tra i paesi dei Castelli Romani in quanto a proposte turistiche. Tanto per la cronaca vi comunichiamo che come PD, a causa della mancata autorizzazione per la Festa dell’Unità e per il tentativo di diffamazione a mezzo stampa architettato dal sindaco, abbiamo inoltrato denuncia alle autorità competenti”.

Ci può tracciare un bilancio di questa prima metà di 2015 dal punto di vista del Pd di Monte Compatri sulla politica cittadina?

“Io sono il segretario del Pd da meno di un anno, e in questo periodo ci siamo occupati con nuova competenza del rilancio dell’azione politica del PD per riacquistare credibilità agli occhi dei cittadini e per creare un nuovo rapporto con gli stessi che renda possibile la realizzazione di un progetto amministrativo alternativo a questa maggioranza. Abbiamo cominciato a ricreare le condizioni con gli altri partiti del centrosinistra e con i gruppi civici presenti sul territorio per un patto di governo, aprendoci al dialogo e mettendo in campo molte iniziative pubbliche per riportare il PD al centro della realtà politica Monticiana. Senz’altro è un bilancio positivo soprattutto perché consapevoli del nuovo equilibrio interno che si è creato dove ognuno ha il proprio ruolo e la propria posizione importante che si fonde nella convinzione che solo insieme, uniti e leali potremmo tornare ad attuare i nostri programmi politico-amministrativi per Monte Compatri”.

 

Print Friendly, PDF & Email