Blitz del Senatore cinque stelle Dessì a Grottaferrata

Il Senatore pentastellato Emanuele Dessì con telecamera al seguito visita il Comune di Grottaferrata "Perché nessuno fa opposizione"

0
263
emanuele_dessi
Emanuele Dessì

“Dal momento che il sindaco Andreotti abbaia alla Luna e che nessun consigliere comunale, ad iniziare (purtroppo) da quello dei 5 stelle, ha voluto procedere con un accesso agli atti per capire come stanno le cose, ieri mattina insieme al mio avvocato e ad cameraman, mi sono recato presso il Comune di Grottaferrata per una richiesta di accesso agli atti”.
Il senatore Emanuele Dessì (M5S) si è presentato presso la sede municipale. “La mia era una richiesta di trasparenza alla quale nessuno ha risposto: secondo noi è importante che non ci sia neanche un sospetto, alcun fraintendimento tra chi svolge una attività pubblica e chi una attività privata, pur nel pieno della legittimità. Sono tre i progetti che abbiamo richiesto: azienda agricola Cusmano, Verdini e l’enoteca di Capodarco. Vedremo chi è il progettista che li ha avviati, vedremo chi sono gli attuali professionisti che li stanno seguendo e soprattutto l’iter procedurale. Pensiamo che ci siano decine di progetti su Grottaferrata, Frascati, su Valmontone e in tutti i paesi della zona che vedono tanti professionisti locali impegnati e che magari ci fanno capire quali rapporti ci sono tra questi e la vita politico/amministrativa. Siamo convinti che ne uscirà, tra cambi di destinazione d’uso, frazionamenti, aumenti di cubature ed altro, qualcosa di molto interessante. Noi sfoglieremo tutte le carte, le visure camerali, i progetti dalla fine degli anni ’90 ad oggi”.

“Mi è stato chiesto un confronto pubblico, lo accetto ma credo sia giusto farlo carte alla mano: le permalosità dei sindaci finti civici castellani servono a poco, parlano i documenti. Vi chiediamo se è opportuno che esponenti politici proseguano le loro attività di tecnici privati o se questo può essere definito “conflitto di interessi”. Ribadisco: io sono sempre a disposizione, pronto al confronto. Ma sui fatti non sulle chiacchiere”.

Print Friendly, PDF & Email