Bufera nel Pd di Albano, Rossi e Cassabgi si dimettono da assessori

0
1125
Palazzo Savelli
Il palazzo comunale di Albano Laziale
Palazzo Savelli
Il palazzo comunale di Albano Laziale

Pino Rossi, assessore al bilancio e Fauzi Cassabgi, assessore ai servizi sociali: entrambi esponenti del Partito Democratico, hanno rilasciato le loro dimissioni dai loro incarichi assessorili in seno alla giunta comunale di Albano, guidata dal Sindaco Nicola Marini, anch’egli esponente del partito di Matteo Renzi. Le motivazioni delle dimissioni paiono avere, secondo quelle che sono le prime indiscrezioni, radici squisitamente politiche. Da tempo l’area di Albano 2030, i Giovani Democratici e settori del gruppo consiliare democratico di Palazzo Savelli, si mostravano critici verso la linea politica ed il metodo con cui la segreteria del Pd di Albano stava procedendo in vista delle prossime elezioni amministrative di primavera. Reiterate infatti sono state le richieste di celebrare le primarie, alle quali la maggioranza del partito che aveva vinto l’ultimo congresso cittadino incarnata dal segretario Alessio Colini, mostrava di non voler dar seguito. Ancora non sono chiare le conseguenze che le dimissioni dei due esponenti politici, che in consiglio comunale possono contare sul sostegno dei consiglieri del Pd: Domenico Di Tuccio, Roberto Peduzzi e Marco Guglielmo, produrranno in vista dell’appuntamento elettorale. Gli ambienti vicini al Sindaco Marini ostentano serenità, sostenendo che le questioni politiche poste “troveranno soluzione in seno al partito”. Le prossime settimane diranno se l’attuale frattura è insanabile, come sostengono alcuni esponenti del Pd critici verso la segreteria comunale.

Print Friendly, PDF & Email