Castel Gandolfo, il banner del Rotary sulla Fontana del Bernini

0
743
fontana
Fontana del Bernini a Castel Gandolfo
fontana
Fontana del Bernini a Castel Gandolfo

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Rotary Club Roma Castelli Romani sul restauro della Fontana del Bernini a Castel Gandolfo, in seguito all’incontro tra il presidente Baldoni e il Primo cittadino locale Milvia Monachesi:

“Nei primi giorni di luglio, si è potuto vedere un certo “movimento” attorno alla Fontana del Bernini che si trova a Castel Gandolfo di fronte al Palazzo Papale. Come noto il Rotary Club Roma Castelli Romani si è fatto carico del progetto di restauro di questo fantastico monumento che è già in fase di realizzazione. Una squadra di tecnici ha effettuato i rilievi sia della Fontana che della piazza in cui si trova, mettendo fuori servizio la Fontana stessa e recintando la zona. Queste prime attività si sono rese necessarie per individuare i danni che il tempo, l’incuria e la mancanza di fondi per la manutenzione della Fontana hanno prodotto e che ora bisogna in qualche modo “curare”. I rilievi, una volta terminati, saranno la base del progetto vero e proprio. La normativa sulla tutela dei beni culturali si è fatta sempre più attenta in questi ultimi anni ed oggi non è più possibile effettuare alcun intervento come quelli realizzati nell’ultimo scorcio del secolo passato, che hanno purtroppo modificato la configurazione originaria della Fontana. Il Rotary sta lavorando in stretta sintonia con la Soprintendenza ai Beni Ambientali competente per il territorio e nulla potrà essere concepito senza il suo preventivo assenso; lo stesso rilievo è stato notificato alla stessa come pure le è stato chiesto il parere per l’affissione del Banner che oggi ricorda ai cittadini di Castel Gandolfo l’impegno del Rotary Club Roma Castelli Romani a donare la progettazione del restauro. Nell’incontro tra il nuovo Presidente Prof. Dr. Francesco Baldoni ed il Sindaco di Castel Gandolfo Milvia Monachesi, oltre a riconfermare l’impegno per il progetto che sarà consegnato al Comune, è stata ventilata la possibilità, tutt’ora da analizzare nei dettagli, da parte del Rotary Roma Castelli Romani, di assumersi l’onere del restauro vero e proprio. Tutto potrà prendere forma e realizzarsi sulla base di due fattori: il tempo ed il clima di collaborazione. Sul clima di collaborazione l’esperienza è più che positiva e ci si augura che lo stesso si riconfermi senza sfrangiature o riserve, per il tempo il Rotary si sta dando da fare!” così’ nella nota il Rotary Club Roma Castelli Romani.

Print Friendly, PDF & Email