Centro anziani chiuso a ferragosto, incontro con il Pdci di Marino

0
836
Santa Maria delle Mole Marino
Santa Maria delle Mole di Marino
Santa Maria delle Mole Marino
Santa Maria delle Mole di Marino

A cavallo di Ferragosto, un comunicato del Pdci di Marino ha denunciato la chiusura del servizio socio-culturale offerto dalle strutture comunali dei centri anziani. Ne è seguita, tra i cittadini, nel Paese e nei centri anziani un animato dibattito.

A seguito di una iniziativa chiarificatrice voluta da una delle componenti la Segreteria del Pdci “E.Berlinguer” di Marino, si è svolto nella mattinata di giovedì un incontro tra la Presidente del centro anziani di S. Maria delle Mole e il vice segretario Alessandra Trabalza, accompagnata da una rappresentanza della segreteria del Pdci della sezione.

“L’incontro chiarificatore – dichiarano dal Pdci marinese – ha avuto un risvolto finale più che positivo concludendosi con un impegno ed una forte promessa di collaborazione e solidarietà da ambo le parti.

Il Pdci riconosce nella Presidente del Centro Anziani una persona di grande, generoso impegno e volontà a favore dei più deboli. Nel frangente della nostra denuncia del Centro Anziani chiuso – continua la nota – abbiamo avuto notizia che la stessa presidente ha provveduto a lasciare le chiavi del centro al fine di garantirne l’apertura e comunicando altresì al comune la sua assenza tramite fax. Purtroppo, appunto come rilevato da noi, il Comune non ha attivato nessuna procedura né adottato nessuna misura per dare continuità di servizio sociale e culturale del Centro Anziani.

Le dichiarazioni della vice segretario Alessandra Trabalza risultano vere e la stessa conclude e riceve approvazione anche dalla Presidente che manca collaborazione e comunicazione all’interno del “comitato di gestione”. La Presidente in carica da pochi mesi e la vice segretario in carica anche lei da pochi mesi, si lasciano con una stretta di mano dando inizio a un’era di cambiamenti con un unico obiettivo – conclude il Pdci – essere sempre dalla parte dei più deboli”.

Print Friendly, PDF & Email