Chiappelloni (Grottaferrata Furlani), «Il ritorno? Diamo il massimo, poi…»

0
799
chiappelloni
Chiappelloni
chiappelloni
Chiappelloni

La Prima categoria dell’Asd Grottaferrata calcio Stefano Furlani ha chiuso con una bella cinquina la prima parte del suo campionato da neopromossa. I ragazzi di mister Davide Vicale hanno battuto con un netto 5-2 la Nuova Virtus: ad aprire le marcature è stato l’attaccante esterno classe 1992 Luca Chiappelloni, al secondo sigillo in campionato (a cui aggiungere i due di Coppa). «Una partita che non è mai stata in discussione, nemmeno dopo il gol dell’1-1 arrivato in seguito a una nostra disattenzione. Abbiamo sempre controllato la gara e già prima dell’intervallo siamo tornati avanti grazie al gol di Andrea Ferri (l’ex Lupa Frascati al debutto assieme al centrocampista ex Vivace Francesco Battistelli, ndr). Poi nella ripresa hanno segnato Salimei, De Angelis e Giachetta e abbiamo conquistato altri tre punti importanti per la nostra classifica». Il Grottaferrata calcio Stefano Furlani è attualmente al nono posto, ma la graduatoria del gruppo G di Prima categoria è davvero corta, considerato che la prima della classe (il Real Velletri) è a otto punti di distanza dagli arancioneri. «Siamo partiti davvero molto male, ma ora le cose stanno andando decisamente meglio – rimarca l’ex attaccante della Vivace Grottaferrata – Inutile parlare di obiettivi ambiziosi: cerchiamo di vincere più partite possibili nel girone di ritorno e poi tireremo le somme, senza dimenticare che siamo anche ai quarti di finale di Coppa Lazio e lì può accadere davvero di tutto». Il voto del Grottaferrata calcio Stefano Furlani, insomma, è sicuramente positivo. «Direi che per il campionato meritiamo un 6,5, ma aggiungendo anche il percorso fatto in Coppa la valutazione sale. Tecnicamente questo è il gruppo più forte in cui io abbia mai giocato in Prima categoria, anche se dobbiamo crescere dal punto di vista collettivo. Se riusciamo a diventare ancora più squadra, possiamo toglierci davvero delle belle soddisfazioni» conclude Chiappelloni.

Print Friendly, PDF & Email