Ciampino, Diritti in Comune svela piani ASP per l’ex Ostello

Ciampino. Diritti in Comune: "L'Ostello è patrimonio pubblico, operazione immobiliare di ASP per farne una RSA è fuori dalle sue competenze"

0
175
comune_ciampino
Comune di Ciampino

“Ciampino. Diritti in Comune: “L’Ostello è patrimonio pubblico, operazione immobiliare di ASP per farne una RSA è fuori dalle sue competenze”

L’Ostello del Casale dei Monaci appartiene al patrimonio di Ciampino, ma l’ASP ne programma il futuro con un’operazione immobiliare e l’Amministrazione Comunale (alla faccia di urbanistica partecipata e dal basso!) esclude da questa importante decisione cittadini e Consiglio Comunale”. Lo svela in una nota Diritti in Comune, coalizione rappresentata in aula da Dario Rose. “Pochi giorni fa ASP ha chiesto il rinnovo della concessione all’uso dell’immobile – spiega ancora la nota – a seguito di ‘contatti con importanti gruppi imprenditoriali nel settore delle Case di Cura e RSA’. Nell’atto impegna 5 mila euro e delegare una società specializzata nel settore come advisor per una valutazione preliminare del piano. (https://asp-spa.acquistitelematici.it/trasparenza.php/dettagli/bando/130). L’ASP è per il 99% del Comune e la sua gestione ha concorso a determinare il dissesto del Bilancio dell’Ente. Ora, dopo la modifica del suo Statuto (operata la scorsa estate dalla maggioranza, con la scusa della riapertura urgente piscina comunale) la partecipata, come la consorella Ambiente, si muove ormai liberamente sul mercato, come un’azienda privata, anche su beni temporaneamente concessi e fuori dalle proprie competenze. Diritti in Comune intende difendere uno dei pochi spazi pubblici, inserendolo nel contesto del Parco Pubblico del Muro dei Francesi. Chiediamo ai cittadini e alle forze politiche di farsi carico di una nuova battaglia per impedire che uno degli ultimi spazi pubblici comunali, un Bene Comune ancora in mano pubblica, venga destinato alla realizzazione di un business privato, la cui utilità per la cittadinanza è tutta da dimostrare. Chiediamo alla Sindaca, agli Assessori competenti e alla dirigenza ASP – conclude la coalizione Diritti in Comune – di venire a relazionare urgentemente in Consiglio comunale, il luogo deputato al dibattito politico, dove vanno prese le decisioni che riguardano il patrimonio pubblico della città”. Lo rende noto Diritti in Comune

 

Print Friendly, PDF & Email