Ciampino, Giglio, Pazienza e Fiorini ritirano mozione su piani di zona

0
635
piazza ciampino
Piazza della Pace a Ciampino
piazza ciampino
Piazza della Pace a Ciampino

POLITICA  – I Consiglieri firmatari: Giglio, Fiorini e Pazienza  (PD) accettano di ritirare la mozione sulle 167, ma impegnano la Giunta a trovare una soluzione, costituendo un tavolo tecnico-politico.

“Chiediamo all’Amministrazione un impegno concreto per uscire dal guado – dichiarano i consiglieri comunali – e dare finalmente una risposta e tempi certi a tutti quei soggetti che attendono ormai da anni di vedere realizzati i Piani di Zona 167.

In questo senso andava la mozione presentata a settembre, e che doveva essere discussa nel Consiglio comunale del 18 novembre.

Con questa mozione – continua la nota diramata dai firmatari – chiedevamo l’impegno della Giunta ad accettare la decisione della Soprintendenza ai Beni Paesaggistici, che arriverà nei primi giorni di dicembre, e che potrebbe confermare il vincolo di inedificabilità nella zona di Mura dei Francesi, senza costituirsi in un ricorso al Tar, che allungherebbe ulteriormente i termini.

Si lavori intanto per individuare un’area alternativa ove delocalizzare il Piano di Zona su cui pende la spada di Damocle del vincolo paesaggistico.

Con la mozione si chiedeva inoltre di delocalizzare i soggetti assegnatari di finanziamento pubblico nei lotti rimasti liberi nel Piano di Zona di Colle Oliva che, visto ormai l’ingente ritardo che interessa l’intero intervento, al fine di salvaguardare tali finanziamenti e la possibilità che essi vengano investiti sul territorio del Comune di Ciampino.

In seguito alla richiesta del Sindaco ff – conclude la nota – nonché Assessore all’Urbanistica, abbiamo deciso di ritirare la mozione, dopo la promessa della Giunta di costituire un tavolo tecnico-politico che dia, nel brevissimo periodo, una risposta concreta alla problematica delle zone 167 a Ciampino, anche alla luce della complessa e intricata situazione che allo stato investe tutti i soggetti interessati nella vicenda”.

Print Friendly, PDF & Email