Ciechi al Museo Civico Mario Antonacci di Albano

Visita tattile al Museo organizzata da Meta Magazine ed Uici Sabato 17 Giugno

0
559
museoalbano
Museo Civico Mario Antonacci di Albano Laziale
museoalbano
Museo Civico Mario Antonacci di Albano Laziale

La testata giornalistica online Meta Magazine (www.metamagazine.it), diretta da Andrea Titti e Morena Mancinelli, in collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti sezione provinciale di Roma, ha organizzato per Sabato 17 Giugno a partire dalle ore 11:00, la prima visita guidata dedicata ad ipo e non vedenti, presso il Museo Civico Mario Antonacci di Albano Laziale. i locali del Museo Archeologico ed i suoi reperti, recentemente resi accessibili ai disabili visivi, grazie al progetto “Toccare la Storia”, voluto e realizzato dal Comune di Albano Laziale insieme alla direzione scientifica del Museo, con il sostegno dell’Associazione Amici del Museo di Albano, ospiteranno i visitatori accompagnati da una guida tattile specializzata. Le stanze del Museo sono dotate di descrizioni in braille, così come i reperti in esse contenuti, alcuni dei quali sono stati riprodotti tramite la stampa 3d, in modo tale da potere essere toccati con mano dai non vedenti.

“Ringrazio l’amministrazione comunale di Albano Laziale, gli uffici comunali, la Direttrice Scientifica del Museo Antonacci Dott.ssa Daniela De Angelis e la responsabile del Comitato Cultura e Turismo dell’Uici sezione provinciale di Roma  Camilla Capitani – dichiara Andrea Titti, Editore di Meta Magazine – per avere reso possibile questa nostra iniziativa tesa a sensibilizzare sulla necessità di rendere fruibili davvero a tutti i cittadini i luoghi della cultura. Le istituzioni hanno il compito di abbattere le barriere, architettoniche e mentali, nei confronti dei disabili, in questo caso visivi, così come i disabili hanno il dovere di non rinchiudersi entro gli steccati della loro condizione clinica, vivendo a pieno la propria vita sociale al meglio delle, molte, opportunità che a loro si presentano” conclude Andrea Titti.

Print Friendly