Cinque Stelle senza maggioranza assoluta in Città Metropolitana

0
1887
palazzo_valentini
Palazzo Valentini in Roma - sede del Consiglio Metropolitano
palazzo_valentini
Palazzo Valentini in Roma – sede del Consiglio Metropolitano

Il Movimento Cinque Stelle non avra” la maggioranza assoluta nel Consiglio metropolitano di Roma. Secondo quanto si apprende a scrutinio appena concluso a Palazzo Valentini, i pentastellati guidati dal sindaco metropolitano Virginia Raggi si fermerebbero a 9 consiglieri su 24 totali, ovvero la sola maggioranza relativa, seguiti dalla lista di centrosinistra Le citta” delle metropoli con 8 e da Territorio protagonista del centrodestra con 7. Rischierebbe dunque di restare senza alcun seggio la quarta lista, Patto civico metropolitano.

Questi i nomi degli eletti:

Movimento 5 stelle: Marcello De Vito, Paolo Ferrara, Giuliano Pacetti, Teresa Maria Zotta, Maria Agnese Catini, Gemma Guerrini, Fabio Fucci, Carlo Colizza, Angelo Casto;

Le città della metropoli: Federico Ascani, Alessio Pascucci, Valerio Baglio, Massimiliano Borelli, Michela Califano, Pierluigi Sanna, Flavio Gabbarini, Svetlana Celli;

Territorio protagonista: Marco Silvestroni, Massimiliano Giordani, Fabrizio Ghera, Giovanni Libanori, Alessandro Priori, Mario Cacciotti, Andrea Volpi.

REAZIONI DAL MONDO POLITICO:

Maugliani (segretario provinciale Pd) soddisfatto per il successo del centrosinistra in provincia

“Una grande sconfitta per il M5S alle elezioni del Consiglio della Città metropolitana di Roma. Fermi a 9 consiglieri eletti, i grillini registrano uno stop evidente, a fronte del successo ottenuto dal centrosinistra con la lista “Le città della metropoli”. I dati parlano chiaro, con i 5 Stelle senza maggioranza assoluta, e denunciano la prima grande sconfitta della sindaca Raggi sul territorio. Il centrosinistra non le consentirà di scaricare sull’area metropolitana i problemi con il suo partito in città” così in un comunicato il segretario Pd della provincia di Roma, Rocco Maugliani, commentando i risultati delle elezioni del Consiglio metropolitano, che vedono 9 consiglieri al Movimento 5 Stelle, 8 al centrosinistra e 7 al centrodestra.

Palozzi: “Grande affermazione del Centrodestra”

“Il risultato elettorale, che va via via delineandosi in Città Metropolitana, fornisce una chiave di lettura chiara e netta: la grande affermazione del centrodestra. La nostra lista “Territorio Protagonista”, infatti, porta nell’assise di Palazzo Valentini ben 7 consiglieri, appena uno in meno del centrosinistra maggioranza uscente e due in meno di M5S. Sono, dunque, molto soddisfatto del successo del centrodestra, anche se non mi sorprende considerato il percorso, fondato su dialogo e unione di intenti, da tempo intrapreso con numerose realtà civiche e politiche, e che ha visto FI grande protagonista. Sono altresì molto contento dello splendido rapporto instauratosi con gli alleati e non posso che ringraziarli per quanto fatto insieme. Ora, però, non dobbiamo fermarci: l’obiettivo sarà tutelare e valorizzare le istanze della comunità metropolitana, costruendo al contempo un centrodestra sempre più forte, unito e in grado di vincere le sfide elettorali che lo attendono. Anche approfittando di un panorama politico frazionato e che vede Pd e grillini in forte calo. I dati delle urne metropolitane, d’altronde, parlano chiaro, consegnando un centrosinistra bel al di sotto delle aspettative e un M5S in crollo verticale, che a Palazzo Valentini ottiene solo maggioranza relativa. Ultima menzione per la pseudo lista “Patto Civico Metropolitano”, presentata grazie all’inciucio tra pentastellati e qualche fuoriuscito dagli schieramenti tradizionali ma che non ottiene nemmeno un seggio: il segno tangibile che l’inciucio in politica non paga”  così, in una nota, il coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi.

Silvestroni: “Fdi primo partito del Centrodestra in Città Metropolitana”
“Auguri e complimenti a tutti i candidati della lista civica Territorio Protagonista grazie ai quali il centrodestra torna ad essere competitivo. In bocca a lupo a Fabrizio Ghera e Andrea Volpi che ci rappresenteranno a Palazzo Valentini.
Il dato del M5Stelle e’ stato inferiore alle aspettative. La Raggi sarà in minoranza nel consiglio di Area Metropolitana”.

Lupi: “Ottimo risultato del centrosinistra per la Città Metropolitana”

“Il centrosinistra del territorio metropolitano ha raccolto l’appello lanciato da Nicola Zingaretti un mese fa ed ha ottenuto un importante risultato alle elezioni del Consiglio Metropolitano! Voglio fare quindi i miei migliori auguri agli otto eletti!” c0sì in una nota Simone Lupi, Presidente della Commissione Bilancio del Consiglio regionale del Lazio.

“Nei prossimi la Città Metropolitana avrà davanti a sé  sfide che saranno decisive per il futuro del nostro territorio – sottolinea Lupi – Per questo l’elezione di ben otto compenenti del Consiglio è un risultato fondamentale, che permetterà di presidiare tutte le decisioni più importanti specialmente considerando che il Movimento 5 stelle è lontano da avere la maggioranza”.

“Infine, voglio espressamente fare i miei complimenti a Massimiliano Borelli, confermato dopo l’esperienza da consigliere delegato di questi anni, e Valeria Baglio, che entra in Consiglio Metropolitano dopo aver ricoperto una importante carica come quella di Presidente dell’Assemblea Capitolina nella precedente consiliatura al Campidoglio – continua il Presidente della Commissione Bilancio regionale. A loro ed a tutti gli altri eletti auguro un buon lavoro, che sappia coniugare gli interessi e le necessità di Roma e di tutto il nostro territorio metropolitano.”

Dessì (M5S): “Voto in Città Metropolitana prova di forza dei vecchi partiti”
Emanuele Dessi”, ex consigliere Città Metropolitana del M5S, è intervenuto oggi a Palazzo Valentini ai microfoni di Radio Roma Capitale, durante lo spoglio dei voti per il rinnovo dello stesso consiglio: “Sembra una pessima prova del nuovo senato e non ci piace. È una manifestazione di forza delle strutture di partito. Ieri abbiamo assistito a foglietti passati e oggi leggiamo schede con voti espressi sul candidato in modo diverso. Non c’è volontà popolare. Qui c’è un’affluenza totale e tutte le schede, tranne tre, hanno avuto il voto di preferenza. È stata una vera e propria chiamata alle armi dei partiti tradizionali”.

Celli: “Formazioni civiche hanno il loro rappresentante”

“Con la mia elezione nel Consiglio Metropolitano di Roma Capitale, la Rete Civica dei Cittadini/e ha un proprio rappresentante anche nella Città Metropolitana di Roma. Si tratta di un risultato non scontato ma che la Rete Civica ha avuto la forza di raggiungere, grazie ad una presenza sempre più diffusa dei suoi amministratori locali nei 120 comuni dell’Area Metropolitana. Un sentito ringraziamento va inoltre ai tanti amministratori di area civica non aderenti alla Rete, ma con la quale condividono i valori, che con il loro sostegno hanno contribuito a questo risultato. E’ una vittoria di tutti coloro che si riconoscono nel civismo e nella partecipazione attiva”, lo ha dichiarato Svetlana Celli, consigliere capitolino di area civica, aderente alla Rete civica dei Cittadini/e.

“A partire da subito lavorerò affinché alla Città Metropolitana di Roma siano garantite competenze certe e soprattutto dotazioni finanziarie adeguate. Occorre dare vita ad un nuova visione che consenta di mettere i 120 comuni dell’Area Metropolitana al centro dell’azione amministrativa, al fine di valorizzarne le eccellenze e superare così le storture di una gestione fino ad oggi troppo romanocentrica. Mi impegnerò, infine, per sollecitare la modifica della Legge Del Rio, in modo che l’elezione dei consigli metropolitani torni in mano ai cittadini, e non agli amministratori, come accade oggi”.

Print Friendly, PDF & Email