Circoscrizione unica a Marino, De Santis “si va avanti”

0
821
fabrizio de santis e rosario castello
Il vicesindaco di Mario Fabrizio De Santis ed il Colonnello Rosario Castello.
fabrizio de santis e rosario castello
Il vicesindaco di Mario Fabrizio De Santis ed il Colonnello Rosario Castello.

Sulla circoscrizione unica si va avanti. A dichiararlo è il vicesindaco di Marino, Fabrizio De Santis che in una lunga nota ribatte punto per punto alle opposizioni di Partito Democratico e Movimento per il Cambiamento che ha presentato anche una raccolta di firme contro la prossima delocalizzazione degli uffici delle circoscrizioni nello stabile di vicolo del Divino Amore.
“L’Amministrazione comunale come era scritto nel regolare bando pubblicato e come la maggioranza dei cittadini ha votato trattandosi di un punto del programma elettorale della Coalizione dei Moderati, ha provveduto principalmente per le necessità di riduzione delle spese ma anche di razionalizzazione dei servizi all’individuazione, nel territorio delle frazioni, di una sede unica per gli uffici della circoscrizione.
Al bando hanno risposto quattro strutture:
1) la sede stessa di Frattocchie che, tuttavia, non dispone, a differenza di quanto si è sentito dire, di alcun parcheggio se non per gli inquilini dello stabile e per un dirigente nel parcheggio superiore delimitato da una sbarra elettrica, oltre a non essere stato ritenuto baricentrico rispetto all’interezza del territorio delle frazioni”.
2) Una struttura nei pressi del centro commerciale La Nave, proposta dichiarata improcedibile in quanto a formularla è stato l’inquilino e non il proprietario delle mura. Ed è stata ritenuta peraltro non idonea in quanto non è parsa opportuna la collocazione di uffici comunali all’interno di un centro commerciale.
3) Un’altra proposta è giunta dal titolare di un immobile in località Castelluccia risultato a sua volta troppo decentrato rispetto al territorio nella sua interezza.
4) La struttura designata, infine, in vicolo del Divino Amore è risultata altresì idonea in quanto rispondente nel rapporto metratura/affitto alle prerogative del bando; poiché si trova in un sito facilmente raggiungibile, prossimo alla via Nettunense; in quanto dispone di un numero di parcheggi non elevato ma ritenuto adeguato alle necessità e di fronte alla fermata del servizio di trasporto pubblico locale
Nessun titolare di immobili sul territorio di S.Maria delle Mole – neppure quello che ospita la sede ancora attiva – ha partecipato al bando.
“Questa è la situazione al momento che pare onestamente sostanzialmente chiara” ha aggiunto il vicesindaco.
“Abbiamo intenzione di contattare l’azienda che gestisce il trasporto pubblico locale per chiedere un ulteriore aumento delle corse che passano per vicolo del Divino Amore ma per il resto non crediamo che possano sussistere ragioni, nemmeno tra quelle elencate nei sit in e nella petizione, affinché l’azione amministrativa in questo senso si fermi o cambi direzione”.
“Da parte nostra – ha concluso De Santis – rimane la assoluta volontà di dialogare con tutti e su tutto che è il metro con cui la nostra amministrazione ha impostato da un anno la propria politica. Al tempo stesso riteniamo che il dovere di governare comporti la necessità di prendere delle decisioni che in questo caso sono state prese con coscienza e rispetto di tutte le norme vigenti”.

Print Friendly, PDF & Email