Proseguono progetti didattici nelle scuole del territorio

Partirà il prossimo 2 febbraio a Gallicano nel Lazio il progetto Sismalab. Le dichiarazione di Cenci e Pucci della Cm Castelli

0
369
locandina
A Gallicano nel Lazio il progetto Sismalab

Partirà il prossimo Venerdì 2 febbraio presso l’Istituto Comprensivo di Gallicano nel Lazio il progetto Sismalab, una mostra interattiva caratterizzata da un percorso di otto tappe alla scoperta dei fenomeni Sismici, con l’ausilio dei pannelli esplicativi e piccole prove pratiche. Gli studenti potranno comprendere le dinamiche relative ad un evento sismico, alla sua propagazione, al calcolo dell’epicentro e molto altro. L’obiettivo è quello di rendere i ragazzi consapevoli dei rischi di un terremoto, al fine di elaborare buone pratiche per poter ridurre l’impatto del sisma sulle nostre vite. Sismalab insieme al progetto G.eco fanno parte dell’offerta didattica – già partita lo scorso anno – elaborata dalla Comunità Montana e dall’associazione Latium Volcano in collaborazione con le scuole del territorio. Anche quest’anno saranno oltre 100 le classi coinvolte nei progetti gratuiti e rivolti agli istituti Scolastici dei Comuni che fanno parte del territorio della XI Comunità Montana, in particolare “G.ECO” è riservato esclusivamente alle classi III della scuola primaria, mentre “SismaLab” è riservato soltanto alla classi I delle scuole secondarie di primo grado. “Abbiamo deciso di potenziare l’offerta formativa attraverso progetti didattici dedicati all’ambiente – dichiara Francesca Cenci – proseguendo le attività con le scuole del territorio che hanno aderito. Siamo particolarmente soddisfatti – prosegue l’Assessore Cenci – dell’ottima riuscita delle iniziative fin’ora svolte e siamo certi che anche grazie all’impegno e alla professionalità dell’Associazione Latium Volcano, saremo in grado di raggiungere l’obittivo più importante ovvero educare i nostri al rispetto e la salvaguardia dell’ambiente”.  “Negli ultimi tempi – commenta il Presidente Damiano Pucci – il rapporto giovani e tutela dell’ambiente si è maggiormente intensificato grazie ad azioni mirate volte ad educare la popolazione giovanile. Per questo motivo la Comunità Montana ha deciso di portare avanti questi progetti – prosegue Pucci –  stimolando la curiosità e la conoscenza e aiutando i giovani ad essere cittadini migliori e protagonisti consapevoli della vita quotidiana”.

Print Friendly, PDF & Email