Coach Scafati predica umiltà in vista del nuovo campionato

0
1325
claudio scafati
L'allenatore del Volley Club Frascati Claudio Scafati
claudio scafati
L’allenatore del Volley Club Frascati Claudio Scafati

Ancora venti giorni e poi la serie B2 femminile del Volley Club Frascati inizierà a sudare. Al timone del gruppo tuscolano, per il terzo anno consecutivo, ci sarà coach Claudio Scafati. «Sono rimasto perchè il lavoro che abbiamo fatto è stato positivo e le persone con le quali ho interagito mi hanno aiutato nel corretto e completo svolgimento del mio compito, ma soprattutto gli ottimi risultati ottenuti da tutte le squadre della società mi hanno convinto che fosse la scelta giusta». Nel frattempo sono state rese note le avversarie del Frascati nel prossimo campionato. «Il girone logisticamente non è per niente male visto che ci sono dodici formazioni del Lazio e due sarde – rimarca il coach -, però tutte le squadre si sono ampiamente rinforzate ed il calendario non inizia proprio nel modo più agevole per noi». Per questo servirà lavorare bene in vista dell’avvio di stagione. «La nostra preparazione inizierà il prossimo 26 agosto con 15-20 giorni molto intensi – sottolinea Scafati -, ma un buon lavoro in quella fase garantisce qualche possibilità in più di fare bene nel corso dell’annata». L’obiettivo del Volley Club Frascati è la salvezza. «Ogni squadra parte sempre sperando di ottenere il massimo e noi avremo come traguardo primario quello di mantenere la categoria – dice Scafati -. Se poi saremo così bravi da ottenere qualcosa in più, tanto meglio». Sarà una serie B2 femminile frascatana dai tanti volti nuovi. «La maggiore difficoltà – chiarisce il tecnico – sarà quella di riuscire ad ottenere una fluidità di gioco ed una aggressività da “grande squadra” in breve tempo visto che la nostra squadra si è parecchio rinnovata. Poi rimane la giovane età del gruppo, non solo come età anagrafica ma soprattutto come esperienza di campionati nazionali, però – conclude Scafati – il grandissimo campionato disputato dalla Roma Centro nell’anno chiuso da poco ci dimostra che con il duro lavoro ed una grande motivazione si possono ottenere risultati inizialmente insperati e non preventivati». 

Print Friendly, PDF & Email