Colpaccio del Rocca Priora a Marino

0
996
costanzo
Nicola Costanzo Rocca Priora Calcio
costanzo
Nicola Costanzo Rocca Priora Calcio

Il risultato più clamoroso dell’ultimo turno (e probabilmente dell’intera prima parte di stagione del girone C di Promozione) lo ha ottenuto domenica scorsa il Rocca Priora di mister Simone Forlani. La squadra castellana ha sbancato il Fiore, tana della Lepanto Marino seconda in classifica, con un 2-1 firmato da Gian Luca Sgarra e Nicola Costanzo che ha anche vendicato la sconfitta ai play out salvezza del maggio scorso (con il Rocca Priora che fu poi ripescato in Promozione). E’ proprio Costanzo ad analizzare la super-gara di domenica scorsa in cui per la prima volta è sceso in campo Marco Amelia che ha difeso (alla grande) i pali della sua squadra. «Abbiamo fatto una splendida partita e la presenza di Marco in campo è stata fondamentale, ci ha dato la scossa. Immaginate cosa vuol dire per un giocatore fare il riconoscimento pre-partita e sentire dire all’arbitro: Numero uno? Marco Amelia e pensare che si tratta di un atleta che fino a qualche mese fa difendeva la porta del Milan. Marco è un giocatore che stimola continuamente la squadra, tutti noi abbiamo beneficiato della sua esperienza e della sua classe. E poi – sorride Costanzo – vi dico che io e Alfonso (Ferramini, ndr) quando la Lepanto attaccava ci mettevamo già in posizione di ripartenza, tanto eravamo sicuri lì dietro». In realtà la Lepanto, nonostante alcuni straordinari interventi di Amelia, un gol lo aveva pure fatto e lì è servita la reazione eccellente di tutta la squadra per conquistare tre punti incredibili quanto fondamentali. «Ora, però, dobbiamo pensare già a domenica quando riceveremo al Montefiore un’altra squadra forte come il Sermoneta: se non vinciamo – avverte il 26enne centrocampista -, avremo quasi vanificato quanto di buono fatto a Marino. Vincere aiuta a vincere e noi abbiamo fame di successi perchè vogliamo centrare una tranquilla salvezza. Questa squadra è composta da ragazzi speciali che hanno accolto noi nuovi con un atteggiamento squisito. E poi ci sono dirigenti disponibili e pronti ad aiutare, su tutti il direttore sportivo Mauro Lulli che ci ha fortemente voluto qui: faremo di tutto per ripagare il Rocca Priora».

Print Friendly, PDF & Email