Comunali Marino, la presentazione delle liste “Cecchi Sindaco” e “Costruiamo il Decentramento”

0
851
presentazionecandidaticivichececchi
Presentazione dei candidati consiglieri comunali delle liste “Cecchi Sindaco” e “Costruiamo il Decentramento”
presentazionecandidaticivichececchi
Presentazione dei candidati consiglieri comunali delle liste “Cecchi Sindaco” e “Costruiamo il Decentramento”

Comunali a Marino, affetto e partecipazione per le liste “Cecchi sindaco” e “Costruiamo il Decentramento

Nella serata di ieri (mercoledì 18 maggio 2016 ndr) 500 persone hanno “invaso” la sala Stardust, in Via del Divino Amore 145, per la presentazione dei candidati consiglieri comunali delle liste “Cecchi Sindaco” e “Costruiamo il Decentramento”. Un bagno di amore e affetto che la dice lunga sulla fiducia che abbraccia le due liste civiche che sostengono con convinzione Stefano Cecchi, candidato sindaco de “L’Officina delle Idee” in vista delle elezioni comunali di Marino. Una serata all’insegna della convivialità, animata dal comico Gianfranco Butinar, dal cabarettista Rocco Borsalino e dal cantante Yuri B. Chiaramente grande protagonista dell’evento è stata la buona politica, quella vera e trasparente che da ormai 13 anni anima il gruppo di “Costruiamo il Decentramento”, dove Cecchi è umanamente e politicamente cresciuto.

“Il nostro gruppo – ha spiegato il coordinatore Paolo Patriarca – nasce ad ottobre del 2002 con l’intento di contribuire a risolvere le varie problematiche che attanagliano il territorio di Marino. Ci presentiamo oggi al fianco di Stefano Cecchi con una lista composta per il 75% di gente nuova e il 25% che è soltanto la seconda volta che partecipa alle elezioni amministrative. Lo scopo fondamentale di “Costruiamo il Decentramento” è quello di cercare di contribuire in modo significativo ad un rinnovamento della classe dirigente. E’ una lista dove si respira una gran voglia di fare e tutta gente tenace che si è messa in prima linea con grande entusiasmo e determinazione, per dare un apporto significativo attraverso la propria partecipazione al fine di  migliorare le condizioni di vita del nostro territorio. Stasera presentiamo due liste ma è come se ne presentassimo una sola: siamo una grande famiglia che da oltre un decennio si è messa a disposizione della nostra città e quest’anno ci riproviamo con rinnovato slancio”.

Sulla falsariga anche il coordinatore di Cecchi sindaco, Cinzia Lapunzina: “Si tratta di una lista nuova. Una squadra all’insegna del rinnovamento”. Il giusto mix tra giovani generazioni ed esponenti con un importante passato politico. E con un progetto di città chiaro e preciso: “L’interessante, ma soprattutto realizzabile programma elettorale studiato su misura per realizzare una città vivibile – conferma Cinzia Lapunzina -. Tutto questo ci da l’energia e l’entusiasmo di metterci in gioco e soprattutto a disposizione della nostra città per lo sviluppo del nostro territorio, al fine di creare le condizioni per un buon presente ed un futuro migliore per noi e le generazioni a venire”.

La parola è, quindi, passata al candidato sindaco, Stefano Cecchi che, dopo aver enunciato i capisaldi del programma di governo, ha sottolineato: “Qui allo Stardust c’è un colpo d’occhio magnifico. Vedere cosi tanto affetto dimostra che siamo sulla strada giusta e mi sprona nell’andare avanti con grande entusiasmo”. Il discorso di Cecchi è accorato, emozionato: “Oggi vedo persone con cui sono cresciuto e altri che per la prima volta hanno deciso di darmi fiducia. Passato, presente e futuro si mescolano in un principio univoco: la persona al centro della politica. Il cuore del Programma della coalizione “L’Officina delle idee”, infatti, è in primis quello di ricostruire il rapporto di fiducia tra cittadini e istituzioni: un percorso assolutamente propedeutico ad ogni altro tipo di attività amministrativa – ha ribadito Cecchi -. Scuole, sociale, sviluppo sano e virtuoso del territorio e rilancio dell’economia locale: tante le proposte che condivideremo con cittadini. Fondamentale l’obiettivo: rendere Palazzo Colonna un palazzo di Vetro”.

Print Friendly, PDF & Email