Confesercenti scrive ai candidati sindaco di Ciampino

La lettera del presidente della Confesercenti di Ciampino Pino Bitetto ai candidati sindaco che si candidano alla guida della città il 26 maggio prossimo

0
96
piazza ciampino
Piazza della Pace a Ciampino

La lettera del presidente della Confesercenti di Ciampino Pino Bitetto ai candidati sindaco:

“Come presidente Confesercenti e nella in via generale di poter esprimere le valutazioni come Rete Impresa Italia di Ciampino sottopongo quelle che secondo noi rappresentano le istanze primarie per il settore che rappresento.

Ciampino deve essere riconsiderata una città attrattiva dal punto di vista turistico e come città dei servizi. Per poter realizzarsi deve essere riconsiderato completamente il rapporto con l’aeroporto Pastine inteso quindi anche come risorsa pur nel rispetto della regolamentazione dei voli, e per quanto riguarda l’impatto acustico e ambientale. Occorre determinare non solo il transito ma anche una eventuale permanenza almeno di una parte dei passeggeri dello scalo.

Il vero volano per la ripresa economica e attrattiva della città passa necessariamente attraverso una consistente rivisitazione del termine cultura. Credo sia prioritaria non solo la definitiva realizzazione del teatro anche attraverso risorse reperibili a livello europeo e regionale, ma fino ad interessamento di privati, un teatro polivalente nella sua realizzazione interna in grado di poter garantire non solo opere teatrali ma anche rappresentazioni canore, mostre fotografiche e pittoriche.

Un punto nevralgico per gli appuntamenti al chiuso culturali.

Andrà quindi resa fruibile in maniera adeguata tutta la biblioteca cittadina con interventi di totale ammodernamento e ristrutturazione tale da poter essere un vero e proprio centro culturale inserito nel sistema bibliotecario dei castelli.

Sia il teatro che la biblioteca potrebbero rappresentare punti di aggregazione per i giovani ciampinesi che ad oggi non hanno spazi di aggregazione.

Andrà riconsiderato lo strumento Pro Loco che dovrà essere riferimento attrattivo e informativo. Una sede ipotetica potrebbe essere la sala adiacente l’aula consiliare nella prossimità della stazione di fatto facilmente individuabile, sala che opportunamente sistemata potrebbe ospitare una esposizione permanente per reperti archeologici locali in attesa della definitiva individuazione e realizzazione di uno spazio museale che potrebbe ospitare anche reperti dei comuni limitrofi in una sorta di summa della storia dei castelli con l’individuazione delle eccellenze castellane, collegandosi anche con reperti romani.

mercatino grottaferrata ilmamilioAll’interno dell’aereoporto, della stazione, nei punti di ingresso della città dovrebbero essere predisposte opportune segnaletiche ed indicazioni. All’interno dell’aereoporto addirittura un corner fisso tale da poter fungere da collante tra la struttura aereoportuale e la città

Una città attrattiva deve sicuramente avere un piano di totale ristrutturazione del decoro urbano che riguarda non solo la sistemazione delle arterie cittadine ma dei marciapiedi con la sistemazione e totale fruibilità dai portatori di handicap, del verde pubblico inteso come totale e costante cura degli alberi messi a dimora, dei parchi pubblici da considerarsi veri e propri punti di socializzazione cittadina e del sistema di illuminazione ormai obsoleto e inefficace, tale intervento garantirebbe anche una maggiore sicurezza sia per la visibilità degli attraversi pedonali e dei loro utenti ma anche come deterrente nei confronti di azioni criminose favorite da una scarsa illuminazione.

In tema di sicurezza si dovrebbe garantire non solo una presenza più diffusa delle intere Forze dell’Ordine in una sinergica azione sia repressiva che preventiva, ma anche lapossibilità per quelle strade che intendessero volontariamente dotarsi di telecamere di video sorveglianza di essere collegate h. 24,00 con le diverse sale operative. Le attività produttive intese come presidi cittadini potrebbero anche autonomamente predisporre telecamere a tal fine preposte rappresentando complessivamente il quasi totale controllo del territorio.

Dovrà essere rivisto il piano sosta, con una corretta distribuzione in tutte le zone della città tra strisce blu e bianche, individuando anche stalli per donne in gravidanza e per auto hybride gratuite. Credo che debba valutarsi non solo la tariffazione frazionata, con almeno 15min. gratuiti e l’istituzione individuando una parte negli stalli bianchi del disco orario.

Sarebbe opportuno individuare zone pedonabili in occasione però di eventi che possano attrarre la presenza della cittadinanza limitrofa.

La discussione sui temi dovrà prevedere un tavolo permanente di concertazione tra le associazioni di categoria ampliato anche dalle realtà spontanee,dei consumatori, dalle associazioni culturali e sportive in una sinergica collaborazione. L’individuazione dei fondi è quindi fondamentale magari istituendo uno sportello apposito, uno sportello URAP di relazione con tutte le attività produttive e professionali atto a fare da volano tra imprenditorialità e amministrazione.

Rimanendo a disposizione per ogni forma di collaborazione auspichiamo un’altrettanta attenzione e disponibilità da qualunque amministrazione dovesse formarsi sul territorio di Ciampino”.

Print Friendly, PDF & Email