Cosa dobbiamo aspettarci dalle stagioni di Lazio e Roma?

Cosa dobbiamo aspettarci dalle stagioni di Lazio e Roma? La Lazio sogna di replicare il percorso dell’anno passato. La Roma riparte nuovamente da zero

0
86
pallone calcio
un pallone in un campo da calcio

Cosa dobbiamo aspettarci dalle stagioni di Lazio e Roma?

Il campionato di Serie A edizione 2020-2021 è finalmente ripartito e Lazio e Roma arrivano alla partenza della nuova stagione con ambizioni decisamente elevate. Entrambe le squadre capitoline sperano di disputare un campionato di vertice e la sensazione è che entrambe abbiano a propria disposizione i mezzi per sognare in grande.

La Lazio sogna di replicare il percorso dell’anno passato

Sono ormai diverse stagioni che il presidente Lotito e il direttore sportivo Tare decidono di dare continuità al progetto tecnico biancoceleste. Dopo la riconferma di Simone Inzaghi sulla panchina, sono stati trattenuti anche tutti i giocatori maggiormente rappresentativi della compagine capitolina che quest’anno sarà impegnata anche in Champions League. La Lazio, dopo aver sperato per diversi mesi nello scudetto, ha infatti chiuso il campionato scorso al quarto posto in classifica conquistando la qualificazione alla Coppa dalle Grandi Orecchie. C’è enorme interesse nello scoprire come Immobile e compagni gestiranno il doppio impegno settimanale, ma la sensazione è che questo gruppo negli ultimi anni abbia sensibilmente innalzato il proprio livello, portandosi a poca distanza dalla Juventus e dall’Inter che secondo le scommesse sportive sono le principali indiziate per la vittoria dello scudetto. Sia i bianconeri che i nerazzurri sono già abituati a giocare ogni tre giorni e l’impressione di tutti gli addetti ai lavori è che quest’anno siano per distacco le due compagini più forti di tutta la Serie A. Il calcio, tuttavia, è imprevedibile e i tifosi biancocelesti sperano che anche in questa stagione gli aquilotti possano rendersi protagonisti di un campionato di vertice.

La Roma riparte nuovamente da zero

Mentre in casa Lazio si prosegue sulla strada della continuità, in casa Roma ogni anno si riparte da zero. Ai cambi di allenatore, ai numerosi movimenti di mercato, alle tante polemiche, quest’anno si sono aggiunte anche delle problematiche finanziarie a rendere l’ambiente ancora più incandescente. Dopo anni di risultati negativi, caratterizzati da una gestione a tratti incomprensibile, Pallotta e il suo gruppo hanno finalmente ceduto le quote societarie e il nuovo presidente della Roma sarà lo statunitense Friedkin. In queste prime settimane da patron, Friedkin è stato nella città di Roma più di quanto non lo fosse stato Pallotta negli ultimi tre anni e i tifosi sperano che questa gestione possa portare nuovamente in alto il club giallorosso. La sensazione di molti è che la scelta di allontanare dal campo e dalla dirigenza uomini dello spessore di Totti, De Rossi e Florenzi, che ben conoscono l’ambiente di Roma e che sono la massima espressione della romanità, non abbia sortito gli effetti sperati ma che, anzi, abbia tolto certezze a un gruppo che di certezze ne aveva già poche. A ogni modo, la Roma arriva al nuovo campionato con l’obiettivo minimo rappresentato dalla qualificazione alla Europa League ma non è escluso che i giallorossi possano riuscire a dire la loro anche in ottica Champions.

Dopo poco più di un mese di pausa, il calcio italiano ha finalmente riacceso i motori e non vediamo l’ora di scoprire cosa riusciranno a fare Lazio e Roma in questo campionato di Serie A 2020-2021.

Print Friendly, PDF & Email