Ok alla legge regionale su cinema e audiovisivi, soddisfatto Michele Baldi

0
1293
Michele Baldi
Michele Baldi consigliere regionale del Lazio
Michele Baldi
Michele Baldi consigliere regionale del Lazio

È stata approvata nella seduta di oggi del Consiglio regionale del Lazio la legge a sostegno del cinema e degli audiovisivi. Michele Baldi, capogruppo della Lista Civica di Zingaretti alla Pisana, che per l’approvazione di questa legge si è molto speso, ha così commentato: “Sono particolarmente orgoglioso e soddisfatto per l’approvazione della Legge Regionale sul cinema e gli audiovisivi. Per la prima volta una legge quadro regionale prevede, tra gli obiettivi da perseguire, interventi volti al contrasto della pirateria audiovisiva e informatica, fenomeno che negli ultimi anni ha prodotto e produce, a tutta la filiera del cinema ed in particolare al consumo di cinema in sala, un danno crescente stimabile in decine di milioni di euro solo nel Lazio. Le nuove modifiche ribadiscono la necessità di favorire l’accesso al prodotto filmico da parte di tutte le sale cinematografiche con specifico riferimento al piccolo esercizio che va sostenuto con azioni di tutela e sostegno e introduce uno specifico sostegno alle sale d’essai, peraltro con un mio emendamento, che si impegnano a dedicare almeno il 70% dei giorni di programmazione a film d’essai e di interesse culturale. Inoltre, le nuove modifiche individuano contributi diretti rivolti alla prima distribuzione nelle sale cinematografiche (esclusi i multiplex) di documentari, opere a basso costo, film “difficili”, opere prime e film di interesse regionale, promuovendo così un circuito virtuoso che segue l’intero ciclo di vita di un film, dalla produzione alla diffusione in sala, anche col coinvolgimento di autori e attori in eventi presso le sale cinematografiche stesse. Con le nuove modifiche si lascia inalterata l’attuale norma relativa alle nuove aperture, e si ribadiscono criteri certi e parametri oggettivi che consentono una diffusione armonica di nuove strutture e al tempo stesso tutelano gli onerosi investimenti compiuti finora. Viene ribadita nella Legge, come obiettivo da perseguire, l’aggiornamento e riqualificazione professionale di tutto il personale occupato nella filiera, soprattutto nella delicata fase di transizione definitiva al digitale. Inoltre, le nuove disposizioni mirano a proporre interventi diretti di arricchimento dell’offerta didattica di tutte le scuole della Regione, finalizzati allo sviluppo e alla diffusione della conoscenza del cinema e dei linguaggi audiovisivi. Non secondaria anche la novità introdotta dalle modifiche di concessioni di agevolazioni e servizi di assistenza per la nascita e lo sviluppo di consorzi e reti di PMI del settore audiovisivo. E finalmente la Regione Lazio torna nella Film Commission con prospettive di sviluppo regionale che finora sono state prerogative di altre regioni. Una legge importante per la cultura, per lo sviluppo, l’innovazione e per l’occupazione”.

Print Friendly, PDF & Email