Dark Night di Tim Sutton, in uscita il primo marzo

In uscita il primo marzo 2018 Dark Night di Tim Sutton. La pellicola è distribuita da Mariposa Cinematografica e 30Holding

0
288

Liberamente ispirato al tragico caso del Massacro di Aurora, Dark Night ritrae sei personaggi, compreso il giovane killer, nelle ore precedenti l’attentato criminale. Sei giovani individui galleggiano in un vuoto di relazioni, ciascuno di loro potrebbe essere l’artefice del folle gesto. Le loro azioni e il loro vissuto sembrano condurli a piccoli passi verso il dramma finale, lo stesso che si consumò nel cinema Century 16 alla prima di The Dark Knight Rises (Il cavaliere oscuro – Il ritorno, di Christopher Nolan). Dark Night è stato presentato al Sundance Film Festival, nella selezione ufficiale 2016 e ha vinto il Premio Lanterna Magica alla 73a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, nella

Dark Night

di Tim Sutton
con Robert Jumper, Eddie Cacciola, Aaron Purvis,
Shawn Cacciola, Anna Rose Hopkins
e le musiche di Maica Armata
Distribuzione: Mariposa Cinematografica e 30Holding

Nelle sale dal 1 marzo 2018

sezione Orizzonti de La Biennale di Venezia 2016

Uscita: 1 marzo 2018
Durata: 85′
Distribuzione: Mariposa Cinematografica e 30Holding

INTERVISTA ALLA MUSICISTA MAICA ARMATA


Nel 2012 un tragico massacro sconvolse la quiete dell’area suburbana della cittadina di Aurora in Colorado. Cosa ricordi di quell’evento? Cosa ne pensi dello sconvolgente sviluppo della vicenda?

“Purtroppo non mi è rimasto altro che un vago ricordo di quell’evento isolato. Tali atti di terrorismo e violenza stanno diventando sempre più comuni in Nord America. Quando si verificano sparatorie di massa individuali, è triste, sono turbata, ma alla fine della settimana mi sembra semplicemente un’altra statistica da aggiungere all’inventario. Lo sviluppo di queste storie sembra sempre lo stesso: un giovane maschio bianco soffre di malattie mentali e noi tutti andiamo avanti senza guardare adeguatamente indietro. È per questo motivo che l’arte gioca un ruolo importante nel rivisitare questi temi, altrimenti la nostra attenzione andrebbe calando”;

Come è iniziata la tua collaborazione con Tim Sutton?

“Tim era a Montreal per RIDM (Rencontres internationales du documentaire de Montréal), per la presentazione del suo precedente film, Memphis. Al Festival mi è capitato di suonare alla mostra “Suoni Per Il Popolo”. Tim si trovava lì al momento giusto e secondo lui, in quel momento ha capito che voleva collaborare con me. Ho ricevuto una sua email qualche mese dopo, poi ho guardato i suoi film, con cui mi sono sentita facilmente in sintonia e poi, prima che me ne accorgessi, volavo in Florida per provare una delle più straordinarie collaborazioni che abbia mai avuto. È una storia che mi sentirò sempre fortunata di raccontare”;

La tua performance in Dark Night, sia musicale che attoriale, conferisce al film un’atmosfera particolare, vibrante, elettrizzante, delicata e tesa. Qual è stata la tua ispirazione per la musica? Come hai lavorato al tuo personaggio?

“Non ci ho pensato molto. Tim voleva solo che fossi me stessa. A volte mi suggeriva un aggettivo o uno stato d’animo con cui lavorare. Volle specificamente che riscrivessi “You are my sunshine“, ma a parte questo, sentivo che tutto ciò che dovevo fare era essere me stessa (sia musicalmente che nel recitare). Essere in Florida, con il cast e la troupe mi ha aiutato ad avere un’altra prospettiva di un’America che non avevo ancora conosciuto. Ero stata in Florida prima, ma in circostanze molto diverse. Questa volta, ho avuto un’immagine più realistica della povertà lì e anche di una vasta area suburbana come non ne avevo mai viste in Canada. Inoltre, conoscere il personaggio principale, Robert Jumper, è stato un processo molto importante per me. Credo che la colonna sonora originale non sarebbe stata la stessa se non avessi conosciuto lui”;

Il film esplora diversi aspetti del killer, James Holmes. Conoscevi la sua storia prima di lavorare con Tim? Come ti senti quando pensi a questa vicenda?

“Non l’ho fatto e non lo faccio ancora. Ho lavorato con i personaggi del film, poiché ognuno di loro esplora le caratteristiche di ciò che serve per diventare un killer. Ho cercato di evitare di concentrarmi su un singolo individuo e sui fatti dietro la loro storia. Mi sono collegata, in un certo senso, a tutti i personaggi, perché ognuno di loro avrebbe potuto essere il killer. Ora, quando penso alle riprese di Aurora, penso ai giovani del Nord America e al fatto che sembrano annoiati a volte. C’è una mancanza di risorse e creatività che può facilmente guidare un giovane ai limiti della solitudine”;

Il film evidenzia il problema delle armi, la diffusione di videogiochi elettronici violenti tra i giovani e diverse forme di alienazione sociale. L’esperienza del film ha influenzato le tue idee su questi temi?

“Mi sembra che il film ponga più che altro l’attenzione su forme di alienazione sociale. L’esperienza di questo film mi ha permesso di comprendere meglio un aspetto demografico di cui avevo poca o nessuna conoscenza. Ora, per esempio, ho una preoccupazione più viscerale per i giovani veterani di guerra. Si sono approfittati di loro, li hanno rimandati a casa in condizioni difficili e ci sono così poche risorse per aiutarli a superare l’isolamento e un dolore così estremo, è terribile”;

Uno dei tuoi progetti più interessanti porta un nome italiano. Che tipo di connessione hai con l’Italia, con la nostra musica e la nostra produzione artistica?

“A essere onesta, c’è una storia dietro questo progetto e non è collegata in modo particolare all’Italia. Si chiama Caro Diaro (sic, ndr) e in questo progetto mi sembra praticamente di cantare  proprio il mio diario”;

Hai altri progetti cinematografici e quale sarà il tuo prossimo progetto musicale?

“Mi piacerebbe molto, ma niente al momento. Forse un giorno troverò qualcun altro con cui collaborare. Il mio prossimo impegno musicale è quello di pubblicare l’album di Caro Diaro e continuare a lavorare sul mio nuovo progetto, che non ha ancora un nome, ma che coinvolge pianoforte e voce. Sono molto entusiasta di questo”.

Print Friendly, PDF & Email