Di Felice (Settesoli Marino), «Col Ladispoli vista una squadra in crescita»

0
1114
difelice
Rachele Di Felice
difelice
Rachele Di Felice

La serie B2 femminile della Modo Volley de’ Settesoli Marino fa un passetto in avanti. Non solo dal punto di vista della classifica (ora le marinesi sono fuori dalla “zona rossa”), quanto soprattutto da quello della prestazione. Nel match interno con il Ladispoli, infatti, le ragazze di coach Alessandro Nulli Moroni hanno a lungo messo sotto il Ladispoli seconda forza del girone G e alla fine si sono arrese solamente al tie break. «Abbiamo giocato molto bene, soprattutto nei primi due set che abbiamo portato a casa – spiega la centrale classe 1992 Rachele Di Felice – Nonostante la bravura dell’avversario, però, rimane il rammarico per non aver portato a casa un successo che sul 2-0 sembrava alla nostra portata. Nella seconda parte della gara purtroppo ci siamo fatte innervosire da alcuni atteggiamenti delle avversarie che hanno messo grossa pressione agli arbitri inducendoli ad alcune decisioni controverse. Comunque ci prendiamo il punto e la buona prestazione messa in mostra». D’altronde il Modo Volley de’ Settesoli Marino aveva già messo in difficoltà altre “big” del campionato, salvo poi calare (spesso) nella seconda parte degli incontri. «E’ vero, forse ci manca un po’ di continuità dal punto di vista mentale. Ma stiamo lavorando per correggere questo difetto» spiega la Di Felice che è da tempo una colonna di questa formazione e che già due anni fa faceva parte del gruppo protagonista di un’annata tormentata in serie B2. «Per questo sento questa maglia come una “seconda pelle” e mi auguro e credo che quest’anno possa andare in maniera diversa. D’altronde ora c’è un gruppo più forte che può centrare la salvezza senza troppe sofferenze». Nel prossimo turno le marinesi affronteranno il Vollyero Casal de’ Pazzi (sabato alle ore 19,30) che attualmente è sesto in classifica con dodici punti in cascina. «Un avversario difficile e un club che ha una tradizione importante soprattutto a livello di settore giovanile – dice la Di Felice – Noi, però, abbiamo dimostrato di essere in crescita e dobbiamo giocare al massimo».

Print Friendly, PDF & Email