Di Maggi, “Cuccioletta unico voto utile a cambiare Ariccia”

0
1002
loris
Loris Di Maggi
loris
Loris Di Maggi

Iniziamo a conoscere alcuni dei candidati in lizza alle prossime elezioni amministrative nei Comuni chiamati al voto. Iniziamo con Ariccia, e specificamente con il giovane, ma già alla seconda esperienza da candidato, nella lista di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, a sostegno della candidatura a Sindaco di Roberto Cuccioletta, Loris Di Maggi.

Così giovane e già alla seconda candidatura, prima Albano e poi Ariccia: Cosa ti spinge questa volta a riprovare?

Penso che sia il dovere di chiunque, a prescindere dall’età, mettersi a disposizione della propria comunità per spirito di servizio. Ho accettato con entusiasmo la mia candidatura a consigliere comunale poiché so che posso portare le istanze di chi, come me, crede che la politica, se fatta con onestà e trasparenza, sia una cosa bella e in grado di risolvere concretamente i problemi e non di crearli”.

Ti candidi con Fratelli d’Italia a sostegno di Roberto Cuccioletta: quali i motivi di questa tua scelta?

“Roberto Cuccioletta è una persona che stimo profondamente, un amico sincero e un politico di alto spessore. Inoltre siamo una squadra coesa e compatta, insieme a me ci sono persone che sono in grado di ridisegnare le sorti di un paese come Ariccia in cui c’è un grande caos elettorale: l’unica alternativa al centrosinistra è Fratelli d’Italia, l’unico centrodestra è rappresentato dal mio partito, l’unico voto possibile per un cambiamento reale è per Roberto Cuccioletta”.

Quali le tue priorità programmatiche su cui ti impegnerai se eletto?

“Le mie priorità sono quelle di tutti i cittadini che vivono ad Ariccia e su quelle intendo battermi: la tutela ambientale in primis, il completamento del Policlinico, il recupero di Vallericcia e il rilancio del centro storico.

Su quest’ultimo punto in particolare credo che i giovani potrebbero avere una grande opportunità: la valorizzazione delle specificità del nostro territorio, come i prodotti enogastronomici, uniti a un piano di promozione turistica adeguato, possono essere uno strumento valido per dare lavoro a tanti ragazzi inoccupati e disoccupati”.

Il centrodestra anche ad Ariccia vive una divisione tra formazioni e gruppi politici che sono stati uniti negli ultimi anni sul territorio dei castelli romani: Come giudichi questa cosa e come pensi possa incidere sui risultati elettorali?

“Nessuna divisione in realtà. Credo piuttosto si stia facendo chiarezza sulla rappresentanza della destra nei vari territori. Ad Ariccia, come a Roma, il centrodestra è solo Fratelli d’Italia. Io non vedo altri simboli o partiti che possano rappresentare i valori della destra. E la maggior parte delle liste civiche, come abbiamo già visto lo scorso anno ad Albano, nasce con le elezioni e muore il giorno dopo”.

Print Friendly, PDF & Email