Diocesi Frascati, il 2018 sotto il segno della sinergia con l’Enea

A Villa Campitelli il 13 dicembre con sua Eccellenza Martinelli per un bilancio del 2018 e le prospettive del 2019 della Diocesi tuscolana

0
321
martinelli_molinari
Martinelli e Molinari

Conferenza stampa a Villa Campitelli giovedì 13 dicembre con sua Eccellenza Raffaello Martinelli per un bilancio del 2018 e le prospettive del 2019 della Diocesi tuscolana

La mattina di Giovedì 13 dicembre l’area comunicazione della diocesi di Frascati ha organizzato una conferenza stampa per fare il punto delle attività del 2018 e dare una prospettiva a quanto proporrà per il 2019.

Ospite del Vescovo Martinelli e dell’Economo della Curia Enrico Molinari la dottoressa Luisa Caneve dell’Enea di Frascati che ha testimoniato il fulcro della partnership tra Diocesi e l’Agenzia per le nuove tecnologie che va verso il recupero dei beni culturali della Curia tuscolana.

“Deve passare il messaggio – ha sottolineato Monsignor Martinelli – che i beni monumentali della Diocesi sono beni di tutti. Necessario l’accordo con l’Enea perché l’8×1000 è strumento importante, ma non bastevole per le necessità di strutture come la Chiesa di Monteporzio e di quella di Rocca di Papa per fare due esempi. Siamo orgogliosi di questo acccordo – aggiunge la Dottoressa Caneve – abbiamo cominicato operando proprio nei locali della Curia frascatana, ma non vogliamo fermarci e dare il nostro contributo fattivo per il bene della comunità. Occorre seminare sempre – ha aggiunto Martinelli – tante le esperienze importanti sul nostro territorio vedi l’Emporio frascatano, il dormitorio di Capocroce, ma anche la nuova edilizia nelle strutture religiose di Morena e di Tor Vergata. La Diocesi deve comportarsi come una buona madre di famiglia – ha chiosato il Dottor Molinari. Ai giornalisti chiedo – ho voluto concludere il Vescovo di Frascati – di diffondere la parola di Dio, ci sono tanti esempi positivi proprio come la struttura di Villa Campitelli che è aperta a chi con un contributo libero può accedere e vivere i locali per momenti o periodi di spiritualità. Abbiamo rifiutato il turismo religioso per dare a questo luogo un indirizzo di accoglienza per chi vuole fare un’esperienza di fede e non usare questi locali come un albergo, un punto di transito per visitare la Capitale”.

Ha preso parte al pranzo conviviale offerto da sua Eccellenza Martinelli a conclusione della conferenza stampa la dottoressa Styliani Fanou, della sede Enea Casaccia di Roma, che si occupa proprio per l’Agenzia del recepimento dei fondi europei per i lavori di recupero dei beni culturali sul territorio.

Print Friendly, PDF & Email