Diritti in Comune sulla Commissione Rumore Aeroportuale

Ciampino, Diritti in Comune sulla Commissione Rumore Aeroportuale del 14 gennaio:"Il sindaco Ballico ci dica quali interessi difende, se quelli dei cittadini o di ADR"

0
65
voli_aeroporto_ciampino
Voli aeroporto Ciampino
“Ancora una gravissima presa di posizione della Sindaca di Ciampino Ballico nella Commissione Rumore Aeroportuale del 14 gennaio u.s. Apprendiamo da un articolo del web-magazine di “Noi cambiamo” che nella Commissione Rumore Aeroportuale che si è tenuta il 14 gennaio, ARPA Lazio avrebbe presentato un documento in cui si dimostra che la nuova rotta di decollo degli aerei, adottata da oltre un anno, è peggiorativa rispetto alla precedente, con un ulteriore incremento – si parla del 20% – delle persone complessivamente assoggettate  allo sforamento dei livelli di rumore.  Ebbene, nonostante queste evidenze già segnalate dai cittadini colpiti che hanno visto crescere il disagio e confermate dall’Agenzia Regionale della Protezione Ambiente del Lazio (ARPA), la Sindaca di Ciampino, da quello che trapela dalla riunione, si schiera a fianco di Aeroporti di Roma, di ENAC e delle compagnie aeree che ottengono così un ulteriore rinvio della decisione sulla contestata rotta fino al 26 marzo prossimo, mettendo le premesse per rinviare ancora la riduzione dei voli prevista dal decreto del Ministro Costa già dalla fine del 2019. Ma non solo, la posizione della Sindaca Ballico è unica rispetto a quella di tutti gli altri enti pubblici territoriali presenti: il Ministero dell’Ambiente, la Regione Lazio, ARPA Lazio, il Comune di Marino, hanno chiesto la revisione della rotta per avere un minore impatto acustico ma soprattutto premono per l’applicazione della riduzione dei voli, unico vero rimedio per riportare i livelli di rumore nei parametri di legge. Chiediamo alla Sindaca di rendere noti ai cittadini di Ciampino i motivi che la spingono ad assumere tale posizione che sembra essere solidale con le aziende private e distante dalla tutela della salute dei cittadini di Ciampino”. Lo dichiara la coalizione Diritti in Comune.
Print Friendly, PDF & Email