Domenica 11 agosto va in scena Tuscolo sotto le stelle

0
808
locandina teatro
locandina teatro
locandina teatro
locandina teatro

Entra nel vivo la nuova stagione di Tuscolo con un evento dedicato alla notte più suggestiva dell’anno.

Dopo l’affidamento e l’apertura ufficiale, l’ATS TUSCULUM – neo affidataria dei servizi di gestione dell’area attrezzata e dell’area archeologica, propone infatti una serata di musica, letteratura, varietà, cibo e vino da trascorrere insieme sotto “le lacrime” di San Lorenzo, domenica 11 agosto.

Nella realtà la notte di San Lorenzo cade il 10 agosto ma come hanno già anticipato gli esperti la scia di stelle cadenti continua ed è più visibile anche nei giorni successivi.

L’area archeologica e l’area attrezzata saranno aperte come tutti i fine settimana dalle 10.00, con visite guidate ogni ora e mezza  – 10.00/11.30/16.00/17.30 – a cura del Gruppo Archeologico Latino Latium Vetus. (Biglietto € 3.00)

Alle ore 19.00, “Poesie dedicate alle stelle lette da Angelo Viticchiè, Rita Gatti e Rosita Scura dell’associazione culturale Morgana”, a seguire ‘Elisabeth Cutler, cantautrice-chitarrista di Boston e dalle 20.00 degustazione del vino Biancodarco dell’Agricoltura Capodarco.

Alle ore  21.00 Semintesta teatro presenta  “Dove sta Zazà”, spettacolo di Varietà con Emanuele Capecelatro, Matteo Davide, Valerio De Angelis, Mauro Fanoni, Alessandra Flamini, a seguire ‘Elisabeth Cutler, cantautrice-chitarrista di Boston. Per tutto il giorno l”associazione Idee in Movimento curerà l’angolo Bookcrossing.

“Siamo molto lieti di ospitare all’interno dell’area attrezzata  gli eventi organizzati dal pool di associazioni a cui è stata affidata la gestione dei servizi – dichiara il Presidente Giuseppe De Righi – è certamente un nuovo inizio per Tuscolo, soprattutto dopo la fine dei lavori che hanno permesso di realizzare un percorso visita più ampio e maggiormente fruibile. Nel contempo continua senza sosta l’impegno della Comunità Montana  – prosegue De Righi – per riavviare le iniziative, in particolar modo i tradizionali spettacoli di teatro antico. Auspichiamo dunque – conclude il Presidente – che già dalla prossima stagione si possa ripartire con più slancio e più entusiasmo”.

Print Friendly, PDF & Email