Eretico sul caso Totti, “il coraggio di Spalletti contro ‘o tappetano”

0
1787
totti4tudor
Il 4 di Totti a Tudor

Da Tora Bora

L’avevo scritto questa estate:

Eretico, “Viva viva ‘o Tappetano’”

Era facile essere profeti, sarebbe stato un anno “caddu caddu” (mamma di Fracchia cit.) sotto il Cupolone.

‘O Tappetano non si voleva arrendere, il tottismo ancora di più.

Finchè c’era il sergente Garcia poteva andare, finchè la “chiesa era al centro del villaggio” se poteva fa (come direbbero all’interno del Gra), con Spalletti che lo mette in panchina no.

Sinceramente le dichiarazioni di Totti sono lunari, anzi scrivendo senza perifrasi vanno dal furbetto spinto al tafazziano sotto vuoto (con la Roma in un momento estremamente positivo).

In una parola sconcertanti, figlie di un egocentrismo senza pari e dell’incapacità ci capire che il tempo passa per tutti anche per ‘o tappetano.

Quella di Totti è una parabola di fine carriera triste, indegna di quello che è stato.

Nessuno stupore per lo scrivente, che certe forme di “bullismo” calcistico di Totti non le ha mai apprezzate: io mi ricordo si mi ricordo (cit) de ‘o tappetano celebrato per il “4” a Tudor (dopo un celeberrimo 4-0 alla Juve con Capello allenatore) o giustificato fino all’inverosimile per lo sputo a Poulsen, solo per fare due esempi.

L’uomo di Certaldo, dimostra gli attributi, a costo di mandare in vacca (scusate per il francesismo) la partita contro il Palermo della serata romana

Io mi preparo a seguirla con popcorn e birra gelata, rigorosamente in canotta fantozziana.

Intanto elogio Spalletti che ha fatto quello che un allenatore (o un manager che fa sempre fico quando si parla della Roma ‘mericana) fa quando un leader abdica a se stesso… ristabilisce le regole.

Il tottismo non apprezzerà, ma chi è causa del suo mal pianga se stesso (cit.)

Saluti da Tora Bora, saluti da Eretico.

Print Friendly, PDF & Email