Fausto Mesolella, il nuovo album dal 22 Aprile

0
1083

Copertina CDIl 22 aprile 2015 esce “CantoStefano“, il primo album di Fausto Mesolella in veste di cantante, o meglio di “dicitor cantante”, come ama definirsi. L’album è  anticipato dal singolo “Quello che non voglio”, scritto da Stefano Benni per Fabrizio De André . Il Brano non fu mai inciso dall’artista Genovese a causa della sua prematura scomparsa e ,Stefano Benni ,ha cosi voluto “donare” queste straordinarie rime a Fausto che ha fatto sua una canzone di altri tempi, dove riecheggiano le poetiche e gli  inconfondibili versi che FABER sapeva recitare magistralmente. Mesolella con una straordinaria interpretazione , ritmo andante e vigoroso , l’inconfondibile tocco delicato sulle corde  , mai invadente, ha dato voce  ad un brano che sarebbe stato certamente un “sempreverde” di De Andrè. Artista eclettico, appassionato, tra i musicisti più originali e dotati nel panorama nazionale, proprio in questi giorni Mesolella festeggia 50 anni con la sua compagna di vita: la chitarra.

“Come chitarrista ho sempre cercato una linea musicale fuori dalla tecnica, una libera interpretazione del pensiero musicale, ma per festeggiare i miei primi 50 anni di chitarra avevo bisogno di parole profonde che assomigliassero al mio modo. Sopra un bel tappeto volante Stefano Benni mi ha donato la possibilità di musicare una poesia che aveva scritto per Fabrizio De Andrè e leggendo quelle parole di denuncia così profonda ho pensato che era giusto iniziare la mia carriera di dicitor cantante. “Quello che non voglio” è la denuncia morale che tutti gli artisti dovrebbero portare nella tasca della giacca.”

Questo album nasce, oltre che dalla consueta genialità che li contraddistingue, da un’amicizia maturata tra Mesolella e Benni nel corso di un progetto fatto insieme “Ci manca Totò”: uno spettacolo unico ed in continua evoluzione tra musica e poesia. Da lì il desiderio di Mesolella di musicare le poesie di Benni, e l’esigenza di cantarle. Infatti questa è la prima volta protagonista non è la chitarra, ma la sua voce.

 

Print Friendly, PDF & Email