F&D H2O, il weekend tra nuoto e pallanuoto

Sabato e domenica in acqua dall’alba al tramonto per gli atleti dell’F&D H2O Velletri. Waterpolis pronta all’esordio in C: parola a mister Criserà

0
97
f&dh2o
F&D H2O

TROFEO SIS ROMA E CAMPIONATI REGIONE LAZIO PER I RAGAZZI DEL NUOTO DI VELLETRI E LARIANO

Un sabato e una domenica a contatto con il mondo e con tutta Italia: questa la grande esperienza che gli atleti dell’F&D H2O Velletri hanno vissuto, insieme al tecnico Roberto Cianfarani, al Trofeo Sis Roma (visibile anche in diretta streaming). Tantissimi ragazzi da tutta Italia: Palermo, Udine, Firenze… e Velletri! Presenti vari big del nuoto nazionale, e la società del Presidente Francesco Perillo non si è di certo fatta intimorire con ottime prestazioni dei gareggianti veliterni: Luca Tora ha migliorato di due secondi il suo tempo nei 50 rana chiudendo a 33”9, Cristian Borro ha ottenuto il suo miglior tempo con 37”9, Bruno Chamberry nei 200 dorso ha concluso con 2’21”4 migliorando di oltre tre secondi il suo personale. Bene anche Samuele Dell’Uomo (2’27”2 e miglioramento di un secondo) per il gruppo maschile. Anche le ragazze hanno dato battaglia: rientrate dagli infortuni, Francesca Cavola e Marika Botticelli nei 50 rana hanno fatto benissimo con 38”7 e 38”6. Rachele Della Vecchia ha fatto 2’35”4 nei 200 dorso migliorando di oltre tre secondi. “Una prima giornata molto positiva” – ha commentato il tecnico Cianfarani, sempre pronto a bordo vasca ad incitare i suoi – “e cercheremo di fare sempre meglio”. Domenica ancora più intensa per i ragazzi dell’F&D H2O, che sono tornati dalle gare regionali ­– accompagnati dal tecnico Emiliano Specchi – degli Esordienti con un bagaglio di tempi personali migliorati per tutti i partecipanti. Una grande soddisfazione per il tecnico Emiliano Specchi e per il collega Roberto Cianfarani. Sono scesi in vasca Sofia Polverini, Martina Nicosanti, Flavio De Marchis, Cristian Taglioni, Diego Lupu, Emanuele Monti, Federico Picca, Paolo Bennato, Leonardo Lautizi, Stefano Serangeli, Matteo Marinelli, Fabio Chamberry, Lorenzo D’Uffizi, Gabriele Santini, Mattia Pennacchi. Come detto, tutti hanno migliorato i personali, con prove degne di nota. Ottima quella di Lorenzo D’Uffizi, che si è superato nei 100 stile e nei 200 dorso, così come Martina Nicosanti. Coraggioso l’impatto di Martina Nicosanti e Sofia Polverini negli 800 stile, provati per la prima volta appena dieci giorni fa e capaci di chiudere con 40 secondi in meno per Nicosanti e 20 in meno per Polverini. Prima volta nei 1500 per Flavio De Marchis e Fabio Chamberry, con un ottimo risultato globale. Anche Federico Picca e Paolo Bennato hanno riportato bei tempi nei 100 stile. Eroico anche Mattia Pennacchi, che nonostante qualche acciacco influenzale ha dato il massimo migliorando anch’egli il suo personale. Quello che conta, al di là dei risultati, è il divertimento e tutti i ragazzi tornano a casa con una grande carica, con tanta gioia e con molta voglia di fare ancora meglio al prossimo appuntamento. Tante le ansie, i timori e le emozioni dei ragazzi veliterni e larianesi in acqua nella sessione domenicale del Trofeo SIS Roma: all’alba il tecnico Roberto Cianfarani e i suoi giovani e promettenti atleti sono arrivati nella capitale, impegnati con Bruno Chamberry (400 misti), Luca Tora (100 dorso), Alessio Borro, Luca Tora, Cristian Borro e Samuele Dell’Uomo (50 stile). La parte femminile è seguita nel pomeriggio. Una splendida e indimenticabile domenica in acqua dall’alba al tramonto per l’F&D H2O.

SERIE C MASCHILE, INTERVISTA A MIMMO CRISERA’ ALLENATORE WATERPOLIS

“Sabato inizia il campionato di Serie C di pallanuoto maschile, e la Waterpolis Lariano esordirà con un derby contro l’Aquademia Velletri. Abbiamo ascoltato l’allenatore, Domenico Criserà, per sentire le ambizioni, le sensazioni e le impressioni alla vigilia della nuova stagione”;

Mister, si inizia il nuovo campionato di Serie C. Quali sono gli obiettivi della Waterpolis?

“L’obiettivo della Waterpolis, chiaramente, da neo promossa, è quello di salvarsi. L’intento è quello di raggiungere presto la salvezza, non possiamo avere altro obiettivo se non quello di cercare la permanenza in Serie C. Poi quello che succederà lo vedremo durante il campionato. In ogni caso io credo che la squadra sia competitiva”;

È soddisfatto del lavoro di preparazione e di come i ragazzi hanno risposto agli allenamenti?

“Sì, i ragazzi hanno risposto molto bene e sono molto soddisfatto. Pur non essendo abituati ai carichi di lavoro che abbiamo avuto, molto importanti per quantità e intensità, il loro entusiasmo e la loro attenzione ci hanno permesso di arrivare ad un buono stato di forma. La strada è lunga ma è quella giusta”;

Quest’anno la Waterpolis è partner di Aqvacenter, come si trova nella nuova società e quali sono i valori aggiunti della nuova organizzazione?

“Mi trovo benissimo in questa nuova realtà. C’è stato feeling già dai primi contatti con il presidente, con Perillo… è un ambiente che mi ha stimolato moltissimo, crede in me e io credo nella società, nell’ambizione, nel lavoro e nell’organizzazione. Penso che si possa arrivare a ottimi risultati con il contributo di tutti”;

Che campionato sarà quello che vi aspetta, a cominciare dal derby di esordio?

“È chiaro che ci aspetta una stagione difficile, ma non abbiamo paura di affrontare questo campionato. I ragazzi sconteranno magari in alcune fasi la poca esperienza in questa categoria, ma credo che l’organico allestito ci consentirà di disputare un buon campionato a cominciare dalla prima impegnativa partita. Giocheremo ad Anzio con l’Aquademia che noi abbiamo affrontato una volta sola. L’Aquademia è una squadra che conosce bene il campionato e non sarà semplice. Credo che per quanto riguarda il nostro organico, però, non siamo inferiori, ma la partita sarà difficile perché è la prima per tutti. Sono comunque fiducioso e ottimista”;

Dove può arrivare la sua squadra, lavorando ed essendo costante nel tempo?

“Credo che lavorando e continuando a lavorare in questa maniera potremo raggiungere buoni risultati, ma il nostro obiettivo resta la crescita dei giovani. Ne abbiamo tanti, dall’under 17 all’under 20, e quindi dobbiamo essere bravi a creare le condizioni per aumentare sempre più il numero dei giovani presenti in prima squadra con un fulcro che poi grazie agli innesti potrà permetterci di fare un salto di categoria. Chiaramente ci vuole tempo, abbiamo iniziato ora e siamo sulla buona strada. La costanza premia sempre, così come la dedizione nel lavoro, e queste qualità ci sono nei ragazzi e nella società. L’organizzazione fa la differenza: noi siamo motivati e il futuro sarà roseo”;

Se dovesse dare un giudizio sul campionato, quale squadra vede favorita?

“Vedo favorita l’Antares Latina perché dispone di una rosa esperta con due centroboa forti e ha esperienza in C e in B, non nasconde le ambizioni di salire. Poi per quanto riguarda le altre, spero che l’outsider potremo essere noi ma è presto per dirlo. Farò un bilancio alla fine del girone di andata per poter dire dove potremo arrivare e quali saranno i reali valori in gioco”.

A1, VELLETRI VA A PADOVA. INTERVISTA A GIORGIA AMEDEO

amedeo
Giorgia Amedeo

Serie A1, F&D H2O, Giorgia Amedeo: “Nessuna di noi si risparmia, lottiamo per un obiettivo comune. Ogni partita è buona per fare punti”

“Amarezza ma sguardo proiettato in avanti, e con fiducia: la gara di sabato scorso contro Bogliasco sicuramente è stata difficile da digerire per l’F&D H2O Domus Pinsa Lucarelli, che ha accarezzato la possibilità di ottenere la seconda vittoria stagionale sfoderando una prova di grinta, carattere e cattiveria agonistica. La sorte non ha aiutato le ragazze di Di Zazzo, ora attese da un esame sulla carta già scritto contro il Plebiscito Padova. Ma la rotta per fare meglio sembra tracciata inesorabilmente, e in senso positivo, come confermato anche dalla giovane ma promettente Giorgia Amedeo. La classe 2000, centroboa ex Messina, in una lunga intervista racconta il momento in casa del club del Presidente Francesco Perillo”;

Giorgia Amedeo, partiamo dalla partita di sabato: da potenziali tre punti ad una sconfitta amarissima, eppure la squadra ha giocato bene. L’F&D H2O ha trovato la quadra tanto auspicata per regalare e regalarsi un girone di ritorno migliore e con più vittorie?

“Diciamo che sabato sentivamo che sarebbe stata la partita giusta e che potevamo giocarcela tranquillamente perché in allenamento, giocando insieme, da parte mia e di tutte sentivo che qualcosa fosse cambiato sia a livello di gioco sia a livello di squadra. Secondo me ci stiamo rendendo un po’ più conto che abbiamo un obiettivo comune, la salvezza, e che tutte, le veterane di Velletri e le nuove, abbiamo una motivazione: crescere e guadagnarci questa salvezza insieme. Nel girone di andata contro il Bogliasco avevamo preso quattordici gol, adesso – tralasciando il fatto che loro avevano un’assenza importante – ci siamo rese conto tutte che c’è stata una grande crescita. Siamo più ordinate quando giochiamo, abbiamo trovato la nostra strada e capito su cosa dobbiamo camminare e su cosa lavorare. Siamo più consapevoli delle nostre potenzialità. La cosa più importante è che si stia stabilita fiducia e ci fidiamo molto del nostro allenatore”;

I play out diventano l’obiettivo massimo oppure credete nella salvezza diretta, vista la classifica attuale?

“I play out sono un nostro obiettivo, ma se si può fare qualcosa per evitarli e salvarci direttamente sarebbe ovviamente più bello. Siamo pronte a qualsiasi cosa, sapevamo fin dall’inizio che avremmo avuto queste difficoltà e l’eventualità di un play out. Le prossime partite saranno, e ci crediamo sin da ora, gare in cui potremo fare un buon risultato, a Verona, Firenze, Milano, Catania Torre del Grifo. Dobbiamo riuscire ad ottenere il risultato senza mai sottovalutare l’avversario, ad esempio il Torre del Grifo sta sicuramente lavorando per arrivare al meglio alla gara contro di noi e affrontare le altre in cui si può fare qualcosa in più. Ma non dobbiamo sottovalutare neanche noi stesse. Se continuiamo su questa strada speriamo di poter ottenere risultati importanti, se non dovesse essere così punteremo dritte al play out”;

Come ti trovi in questo gruppo e qual è il tuo feeling con la squadra e con la società? Sei soddisfatta, al di là dei risultati, di quanto dato in acqua per la squadra?

“Il feeling c’è, mi sento veramente a casa, mi sto trovando benissimo, tanto, e nonostante i risultati. Sono sicura e mi fido ciecamente delle mie compagne, so che se ognuna di noi dà il proprio aiuto riusciremo ad avere un girone di ritorno più positivo. Anchecon la società mi trovo bene, sono tutti disponibili, non siamo mai da sole. Personalmente penso che avrei potuto fare di più, però ripeto, è inutile piangere sul latte versato, mi impegnerò per fare meglio nel girone di ritorno insieme a tutte le mie compagne”;

Calendario alla mano, c’è il Plebiscito Padova. Sfida proibitiva, proverete a fare il colpaccio?

“Contro il Plebiscito Padova sarà una gara importante, noi ovviamente sfrutteremo questa partita per imparare da chi ha molta più esperienza di noi. Sappiamo che il Padova viene da un campionato vinto, sta ottenendo buoni risultati, in Coppa Italia ha fatto il terzo posto, dalla Coppa Len sono tornate vincitrici e sono qualificate al prossimo girone rientrando fra le migliori otto. Sappiamo tutte che giocare a Padova è una bella partita, ma non abbiamo niente da perdere e ce la giocheremo dal primo all’ultimo minuto. È una squadra dalla quale si può solo imparare, soprattutto per chi non ha grande esperienza, a cominciare da noi più giovani”;

Vista anche la tua esperienza, nel girone di ritorno cosa serve in più rispetto a quello di andata per ottenere l’agognato traguardo per cui lottate?

“Nel girone di ritorno dobbiamo credere più nelle nostre capacità e fidarci di noi, del capitano e soprattutto della società, del mister. Dobbiamo essere più squadra come stiamo riuscendo a fare. Siamo un bel gruppo, tutte ci troviamo bene e dobbiamo spingere su questo obiettivo comune. Nessuna si risparmia, molto più di prima, in allenamento, in partita e dobbiamo proseguire così. Lavoriamo e non demordiamo mai, abbiamo un girone davanti e giocarcela con ogni squadra significa che ogni occasione è buona per fare punti”.

Print Friendly, PDF & Email