Focolaio Covid 19 a Grottaferrata

Il sindaco di Grottaferrata Luciano Andreotti e l'Amministrazione comunale vicini alle Figlie della Visitazione di Maria duramente colpite dalla pandemia

0
155
Grottaferrata
Grottaferrata Abbazia di San Nilo
“FOCOLAIO COVID 19 A GROTTAFERRATA, IL SINDACO ANDREOTTI E L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE VICINI  ALLE FIGLIE DELLA VISITAZIONE DI MARIA DURAMENTE COLPITE DALLA PANDEMIA                                    
   
Sono 35 i casi di positività comunicati: 25 dei 39 ospiti anziani
6 suore e 4 operatori. Quattro i morti. Una è una religiosa
 

Protezione Civile e Croce Rossa attive per la fornitura di alimenti e beni di prima necessità.

Il sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti è in contatto diretto con le “Povere Figlie della Visitazione di Maria”, istituto religioso sito nel territorio comunale all’interno del quale si è sviluppato un focolaio di Covid-19.

La struttura ospita la Casa di Riposo “Cuore Immacolato di Maria” all’interno della quale al 1 gennaio 2021 risultavano 39 anziani ospiti. Di essi 25 sono risultati positivi e tra questi tredici sono stati ricoverati in ospedale.

Oltre gli ospiti sono risultate positive 6 delle 7 suore della congregazione che si occupano quotidianamente dell’assistenza e della cura degli anziani e quattro lavoratori della cooperativa operante in struttura.

Ad oggi sono stati comunicati 4 decessi (2 in struttura dei quali una religiosa e 2 tra gli anziani ospedalizzati).

“Siamo a conoscenza del nuovo cluster sviluppatosi all’interno della struttura religiosa delle Figlie della Visitazione di Maria” dichiara il sindaco Andreotti. “Assieme a Protezione Civile e Croce Rossa abbiamo già attivato tutti i canali necessari per rifornire la struttura in sicurezza di alimenti e beni di prima necessità. La struttura è isolata e grazie alla collaborazione dei Carabinieri, come già accaduto nella scorsa primavera in situazioni simili, si fa in modo che estranei restino a dovuta distanza”.

“Alle famiglie degli anziani defunti, così come alla congregazione religiosa rinnovo la massima vicinanza e affetto in un momento di particolare difficoltà in cui come rappresentanti dell’Amministrazione comunale stiamo percorrendo tutte le strade necessarie a garantire una vicinanza solidale e viva da parte delle istituzioni del territorio””. Lo rende noto l’Ufficio Stampa del Comune di Grottaferrata.

“FOCOLAIO COVID/VISITAZIONE, GLI ANZIANI IN STRUTTURA SOTTO CONTROLLO QUOTIDIANO DELLA ASL
LA CASA DI RIPOSO AUTORIZZATA DAL COMUNE SIN DAL 2006 E MONITORATA DAI SERVIZI SOCIALI  

Nel pomeriggio di lunedì 25 gennaio presso il Comune di Grottaferrata, il sindaco Luciano Andreotti ha incontrato la dottoressa Franca Mangiagli, dirigente del Servizio Igiene e Sanità Pubblica (Sisp) della Asl Rm 6.

Al centro del briefing, al quale ha preso parte anche l’assessora alle Politiche sociali, Tiziana Salmaso, c’è stato l’evolversi dell’emergenza Covid-19 sul territorio all’indomani dei quattro decessi avvenuti in seguito all’emersione di un focolaio presso la casa di riposo “Cuore Immacolato di Maria”, struttura gestita dalle Povere Figlie della Visitazione di Maria di Grottaferrata.

AGGIORNAMENTO SITUAZIONE EPIDEMIOLOGICA NELLA CASA DI RIPOSO – La Asl ha confermato che sono stati effettuati ulteriori controlli da parte dei medici dell’Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) i quali continuano a monitorare le condizioni dei singoli degenti, stabilendo –  nei casi in cui se ne manifesti la necessità – il trasferimento in apposite strutture Covid.

Ad oggi la situazione all’interno della struttura è la seguente: nella casa di riposo sono rimaste 13 persone positive tra gli ospiti, sei suore positive e una negativa. Gli ospiti ospedalizzati sono 21.
I 13 anziani in casa e le sei suore sono controllati giornalmente da medici della stessa Asl
al fine di un puntuale controllo del quadro sanitario e per garantire alla bisogna un pronto intervento.

POSIZIONE E INTERVENTI DEL COMUNE – In relazione a quanto comparso in diversi articoli di stampa, si precisa che la Casa di Riposo “Cuore Immacolato di Maria” non è una RSA ma una struttura socio-assistenziale e come tale è autorizzata dal Comune dal 2006 in ottemperanza alla legge regionale n.41 del 2003 e successive modificazioni.

Da parte sua il Comune collabora con la struttura nel dare sostegno a persone indigenti di Grottaferrata o senza fissa dimora.

Periodicamente l’ufficio Servizi sociali effettua sopralluoghi atti a verificare il mantenimento dei requisiti presenti al momento dell’autorizzazione.

Nel corso di quest’ultimo anno, dominato dalla pandemia, il Comune ha dato disposizioni in merito al protocollo Covid alla casa alloggio come a tutte le strutture simili presenti sul territorio.

La casa di riposo dispone di 54 posti letto e in varie occasioni, prima della pandemia, ha collaborato con il Comune mettendo a disposizione i propri spazi per cittadini grottaferratesi particolarmente indigenti o senza fissa dimora.

Il sindaco Luciano Andreotti e l’assessora Salmaso hanno ribadito che dal momento della comunicazione da parte della Asl relativa alla presenza del cluster nell’istituto, il Comune si è attivato per attuare le procedure relative al ritiro e al conferimento rifiuti, pronto a fornire assistenza alla struttura attraverso l’ufficio Servizi sociali per le esigenze legate alla condizione di isolamento.

Gli stessi operatori dei Servizi sociali comunali hanno quindi appurato dalla responsabile della struttura che non sussistevano bisogni di approvvigionamento in quanto lo stesso era garantito da un “percorso bianco” per il rifornimento alimentare. La medesima responsabile ha esposto che in caso di necessità relative al rifornimento di farmaci sarà loro cura contattare gli uffici comunali”. Lo rende noto il Comune di Grottaferrata.

Print Friendly, PDF & Email