Fontana, “non si vedono gli atti sull’Albo Pretorio on line”

L'ex sindaco di Grottaferrata Fontana: "L'Albo Pretorio on line del Comune di Grottaferrata. Così trasparente che non si vedono gli atti

0
244
fontana
Giampiero Fontana

“ALBO PRETORIO ON LINE del Comune di Grottaferrata. La trasparenza dell’Amministrazione comunale: COSÍ TRASPARENTE CHE…NON SI VEDONO GLI ATTI

La legge n. 69/2009 ha stabilito che, DAL 1° GENNAIO 2011, le pubblicazioni di atti/provvedimenti amministrativi (Delibere, Determine dirigenziali, Avvisi, Bandi, Ordinanze, Permessi, Concessioni, ecc.) effettuate in forma cartacea non producono più effetto di pubblicità legale.

Parimenti, da quella data è riconosciuto l’effetto di pubblicità legale solo ad atti/provvedimenti amministrativi pubblicati dai Comuni sui propri siti informatici. Sempre da quella data, gli OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE DI ATTI E PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI CON EFFETTO DI PUBBLICITÀ LEGALE, si intendono assolti dai Comuni tramite la pubblicazione sui rispettivi siti informatici.

Sono così nati i cosiddetti ALBI PRETORI ON LINE, dove le Amministrazioni comunali adempiono agli obblighi di legge sulla pubblicazione di atti/provvedimenti amministrativi, dei quali deve essere data conoscenza (pubblicità legale) ai terzi eventualmente interessati dagli effetti che quegli atti/provvedimenti amministrativi producono.

In altre parole, un tempo le Delibere, le Determine, gli Avvisi, i Bandi, le Ordinanze, le Autorizzazioni, le Concessioni, venivano affisse fisicamente ad un Albo che si trovava, in genere, all’ingresso della sede comunale, in modo che i Cittadini potessero consultarli per un tempo minimo stabilito per legge e, in tale maniera, fosse garantita l’informazione sull’adozione di tali atti o provvedimenti e sugli effetti che gli stessi introducevano nel territorio comunale.

Con la nuova normativa, gli atti sono pubblicati in forma digitale sulle piattaforme informatiche dedicate, sempre per il tempo previsto, e sono consultabili accedendo alla pagina web, o al link, appositamente dedicati.

Questo PASSAGGIO EPOCALE, oltre a confermare l’intento di modernizzare l’azione della Pubblica Amministrazione, ha sancito la volontà di intraprendere un diverso canale di comunicazione ed interazione con tutti i Cittadini, sicuramente più diretta ed accessibile rispetto al passato (tanto per fare un esempio, le attuali tecnologie – personal computer, tablet, smartphone, ecc. – consentono la continua connessione al web e, conseguentemente, il Cittadino può accedere all’Albo Pretorio on line in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo, mentre in passato bisognava recarsi in Comune, durante l’orario di apertura dell’Ente per consultare i documenti affissi).

Ordunque, considerato che la pubblicità legale degli atti contempla molteplici e diversi aspetti, tra i cui:

  • il presupposto per l’efficacia dei provvedimenti;
  • l’espressione di comunicazione delle attività tradizionali;
  • l’adempimento di specifici obblighi previsti dal legislatore;
  • la conformità con le disposizioni contenute nel Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD);
  • le specifiche prescrizioni d’origine statutaria, previste dall’Amministrazione comunale;
  • la disciplina in tema di tutela della riservatezza (cd. “Codice della Privacy”).

é superfluo evidenziare l’importanza che ha il CORRETTO FUNZIONAMENTO DELLA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL’ALBO PRETORIO ON LINE, e quindi implicito presumere quali attenzioni deve rivolgere a questa materia la componente politica di un’Amministrazione comunale (Sindaco, Assessori e Consiglieri comunali).

Ciò premesso, avendo approfondito molto la materia in passato, sia in qualità di Consigliere comunale che di Sindaco, rilevo con enorme disappunto la mancanza delle necessarie attenzioni al corretto funzionamento dell’Albo Pretorio on line del Comune di Grottaferrata, da parte degli attuali amministratori (ancor di più da parte dei Consiglieri di minoranza, che dovrebbero esercitare il fondamentale ruolo di controllo).

Ovviamente, la corretta pubblicazione di atti e provvedimenti all’Albo Pretorio on line non si esaurisce nella mera pubblicazione del documento, bensì implica tutta una serie di obblighi che qui non mi soffermo ad illustrare, come ad esempio la tempistica rispetto all’adozione dell’atto o del provvedimento da pubblicare.

Ci tornerò più avanti, con appositi approfondimenti.

Per ora mi limito a far notare, nelle cinque immagini allegate al presente comunicato, gli ESTRATTI DALLE PUBBLICAZIONI IN CORSO SULL’ALBO PRETORI ON LINE DEL COMUNE DI GROTTAFERRATA, cosȉ come compaiono DAL 10 AGOSTO SCORSO AD OGGI, GIOVEDÌ 16 AGOSTO.

In rosso sono evidenziati ben DIECI NUMERI DI REPERTORIO (dal numero 16043 al numero 16052), CORRISPONDENTI AD ALTRETTANTI ATTI E PROVVEDIMENTI DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE CHE DOVREBBERO ESSERE STATI PUBBLICATI dalle rispettive dati indicate nella parte “Pubblicazione dal ___________ al _________ “.

Come si può notare, tuttavia, DI QUEGLI ATTI/PROVVEDIMENTI NON C’È TRACCIA MENTRE COMPARE LA SCRITTA “ATTO IN FASE DI CARICAMENTO”.

Gli atti numero di repertorio da 16043 a 16047 (5 atti), sono in “fase di caricamento” dal 10 agosto. Quelli 16048 e 16049 lo sono dal 13 agosto ed i restanti da 16050 a 14052 lo sono da oggi, 16 agosto.

Chi, tra Sindaco, Assessori preposti e Consiglieri, controlla il perché e le conseguenze di tali disfunzioni? Chi, negli Uffici comunali, segue le procedure per la corretta pubblicazione degli atti o provvedimenti all’Albo Pretorio on line? E con quale frequenza? Possibile che il personale del Comune incaricato della pubblicazione degli atti all’Albo Pretorio on line, una volta eseguita la procedura, non si accerta, anche nei giorni seguenti, se l’atto è stato effettivamente caricato, se è consultabile, se risponde agli obblighi di legge e se produce gli effetti di pubblicità legale? E se tale personale rileva delle anomalie cosa fa? Interviene? Come? Segnala il problema al Dirigente o al Segretario Generale? E queste figure apicali cosa fanno?

Quali conseguenze hanno tali malfunzionamenti? Il periodo di pubblicazione dell’atto può ritenersi valido ai fini della pubblicità legale richiesta dagli obblighi di legge? E tante domande ancora che, ad oggi, non trovano risposta.

Vedremo più avanti. Nel frattempo una esortazione ai Cittadini: se hanno tempo (e voglia), sarebbe opportuno che dedicassero cinque minuti del loro tempo, ogni tanto, all’Albo Pretorio on line, facendo una “passeggiata” sul nuovo sito web del Comune, fortemente voluto dagli “innovatori” di cui abbonda la maggioranza di governo. Con tutte le limitazioni, era decisamente meglio e facilmente consultabile la vecchia versione del sito internet comunale che, non si sa ancora bene per quale recondito motivo, è stata soppiantata dal “nuovo che avanza”.

Visitare l’Albo Pretorio on line è un dovere civico, oltre che un diritto ed un modo per essere informati su cosa accade nel proprio Comune e quali decisioni sta assumendo la Giunta.

Se ne vedrebbero delle belle (sempre se gli atti sono effettivamente consultabili oppure se vengono caricati – e pubblicati – nei tempi previsti e non mesi dopo, come spesso accade al Comune di Grottaferrata, nell’indifferenza generale e nel colpevole silenzio dei Consiglieri di opposizione che su questo, come su tante altre questioni, tacciono).

A presto.

#phoenixlacomunitainmovimento”. Così l’ex sindaco di Grottaferrata Giampiero Fontana

Print Friendly, PDF & Email