Pagano dirigente dell’Fc Frascati

Football Club Frascati, Giuseppe Pagano è ufficialmente dirigente del sodalizio sportivo frascatano: «Il corso è stato molto formativo»

0
155
pagano
Giuseppe Pagano dell'Fc Frascati
paganobis
Giuseppe Pagano dell’Fc Frascati

Il Football Club Frascati è sempre più attento ai dettagli. E tra questi c’è la formazione e il continuo aggiornamento non solo dei tecnici, ma anche dei dirigenti. Da qualche giorno Giuseppe Pagano, che dall’inizio dell’anno è al seguito dell’Under 16 provinciale di mister Federico Rumbo (dove tra l’altro gioca il figlio Leonardo), è diventato ufficialmente dirigente. «Ho partecipato ad un corso di primo livello organizzato dal comitato regionale presso la sua sede romana – racconta Pagano – Sono state due lezioni di un paio d’ore circa a testa, svoltesi a distanza di qualche giorno l’una dall’altra, in cui sono stati sviscerati alcuni importanti temi. Nella prima giornata si è parlato principalmente di aspetti medici come l’uso del defibrillatore o anche il “primo soccorso” per infortuni più o meno semplici. Nella seconda parte si sono trattati temi più organizzativi come la compilazione di una lista gara o altri più “psicologici” legati al rapporto dei ragazzi con la figura del dirigente e quanto questa possa ricoprire un ruolo fondamentale per “cogliere” alcune problematiche. E’ stato un corso molto interessante che ho fatto sia per rendermi utile al Football Club Frascati, ma anche e soprattutto per una questione di formazione personale». Pagano ha iniziato a ricoprire questo ruolo nella passata stagione all’Atletico Morena, sempre al seguito del figlio Leonardo, e quest’anno ha proseguito su questo percorso anche al Football Club Frascati. «Conosco Claudio Laureti (co-presidente del sodalizio tuscolano assieme a Stefano Lopapa, ndr) da diverso tempo e mi sono messo a disposizione con grande piacere perché amo stare con i ragazzi e infatti col gruppo e col mister si è creata una bella sintonia. Ringrazio la società per avermi dato l’opportunità di partecipare a questo corso e, se ce ne sarà occasione, non esiterò a fare anche quelli di secondo e terzo livello» conclude Pagano.

Print Friendly, PDF & Email